Martedì 02 Maggio 2017 - 10:30

Istat: A marzo il tasso di disoccupazione sale a quota 11,7%

Con una crescita di 0,1 punti percentuali rispetto al mese precedente

A marzo il tasso di disoccupazione sale all'11,7%

 Sale all'11,7% il tasso di disoccupazione a marzo, con una crescita di 0,1 punti percentuali rispetto al mese precedente. Lo rileva l'Istat che sottolinea come invece  a marzo il tasso di disoccupazione giovanile sia calato di 0,4 punti percentuali rispetto al mese precedente, portandosi a quota 34,1%.

A marzo 2017 la stima degli occupati è sostanzialmente stabile rispetto a quella di febbraio, con il tasso di occupazione che si conferma al 57,6%.  A crescere sono il numero dei lavoratori dipendenti (+63 mila), di quelli permanenti (+41 mila) e di quelli a termine (+22 mila), mentre calano gli indipendenti (-70 mila).

Nel primo trimestre, rileva ancora l'istituto, si registra una crescita degli occupati rispetto ai tre mesi precedenti (+0,2%, pari a +35 mila), determinata dall'aumento dei dipendenti sia permanenti che a termine. Tale aumento si accompagna a un calo dei disoccupati (-1,2%, pari a -38 mila) e degli inattivi (-0,2%, pari a -32 mila).
 

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Manifestazione della Cgil

Lavoro, ancora in crescita le assunzioni. Ma solo un quarto a tempo indeterminato

Il rilevamento Inps riferito ai primi 5 mesi dell'anno registra un incremento del 16% ma di "qualità" inferiore

Manifestazione dei metalmeccanici Fiom-Cgil

Boeri: Migranti buoni contribuenti. E non rubano lavoro

La relazione del presidente dell'Istituto di previdenza davanti alla Commissione d'inchiesta sul fenomeno migrazione. "Ogni anno ci regalano 300 milioni a fondo perduto"

Roma, Manifestazione della Cgil

Ue, creati 10 milioni posti di lavoro. Disoccupazione ai minimi

L'indagine annuale. Sono 234 milioni gli occupati nell'Unione. Ma il reddito dei giovani si riduce

Istat, calano numero di casalinghe e asimmetria lavoro familiare

Istat, calano numero casalinghe e asimmetria del lavoro familiare

La loro condizione economica non è buona: nel 2015 sono più di 700 mila le casalinghe in povertà assoluta