Martedì 02 Maggio 2017 - 10:30

Istat: A marzo il tasso di disoccupazione sale a quota 11,7%

Con una crescita di 0,1 punti percentuali rispetto al mese precedente

A marzo il tasso di disoccupazione sale all'11,7%

 Sale all'11,7% il tasso di disoccupazione a marzo, con una crescita di 0,1 punti percentuali rispetto al mese precedente. Lo rileva l'Istat che sottolinea come invece  a marzo il tasso di disoccupazione giovanile sia calato di 0,4 punti percentuali rispetto al mese precedente, portandosi a quota 34,1%.

A marzo 2017 la stima degli occupati è sostanzialmente stabile rispetto a quella di febbraio, con il tasso di occupazione che si conferma al 57,6%.  A crescere sono il numero dei lavoratori dipendenti (+63 mila), di quelli permanenti (+41 mila) e di quelli a termine (+22 mila), mentre calano gli indipendenti (-70 mila).

Nel primo trimestre, rileva ancora l'istituto, si registra una crescita degli occupati rispetto ai tre mesi precedenti (+0,2%, pari a +35 mila), determinata dall'aumento dei dipendenti sia permanenti che a termine. Tale aumento si accompagna a un calo dei disoccupati (-1,2%, pari a -38 mila) e degli inattivi (-0,2%, pari a -32 mila).
 

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Istat, disoccupazione cala nel terzo trimestre al 10,9%: aumentano occupati +153mila

Istat, disoccupazione cala al 10,9%: aumentano occupati

L'incremento riguarda soltanto i dipendenti (+356 mila, +2,1%), oltre tre quarti dei quali a termine

Operai al lavoro nel cantiere M4 di Via Lorenteggio

Disoccupazione sale all'11,3%, ma numero occupati è ai massimi

Il tasso sale dello 0,2 e aumenta dello 0,3% anche tra i giovani. Gli occupati salgono oltre i 23 milioni

Palazzo Rospigliosi. Convegno "Il Lavoro che cambia"

Bonus giovani, Poletti: "Clausola anti-licenziamenti"

Non ancora definito se gli incentivi assunzione saranno destinati solo agli under 29

Istat: Crescita Italia si consolida, segnali positivi sul lavoro

Migliora la fiducia dei consumatori e, in parte, quella delle imprese