Martedì 02 Maggio 2017 - 10:30

Istat: A marzo il tasso di disoccupazione sale a quota 11,7%

Con una crescita di 0,1 punti percentuali rispetto al mese precedente

A marzo il tasso di disoccupazione sale all'11,7%

 Sale all'11,7% il tasso di disoccupazione a marzo, con una crescita di 0,1 punti percentuali rispetto al mese precedente. Lo rileva l'Istat che sottolinea come invece  a marzo il tasso di disoccupazione giovanile sia calato di 0,4 punti percentuali rispetto al mese precedente, portandosi a quota 34,1%.

A marzo 2017 la stima degli occupati è sostanzialmente stabile rispetto a quella di febbraio, con il tasso di occupazione che si conferma al 57,6%.  A crescere sono il numero dei lavoratori dipendenti (+63 mila), di quelli permanenti (+41 mila) e di quelli a termine (+22 mila), mentre calano gli indipendenti (-70 mila).

Nel primo trimestre, rileva ancora l'istituto, si registra una crescita degli occupati rispetto ai tre mesi precedenti (+0,2%, pari a +35 mila), determinata dall'aumento dei dipendenti sia permanenti che a termine. Tale aumento si accompagna a un calo dei disoccupati (-1,2%, pari a -38 mila) e degli inattivi (-0,2%, pari a -32 mila).
 

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Lavoro, Inps: nel primo trimestre crollano contratti a tempo indeterminato: -7,46%

Inps: Crollano contratti a tempo indeterminato: -7,46%

Nei primi mesi del 2017 sono stati pari a quasi 400mila

Lavoro, in Italia crescono i precari: 9,3 mln a rischio povertà

In Italia crescono i precari: 9,3 mln a rischio povertà

È la situazione del lavoro fotografata dal Centro studi di Unimpresa

Alitalia, Camusso: Coinvolgere Cassa depositi, poi socio europeo

Alitalia, Camusso: Coinvolgere Cassa depositi, poi socio europeo

"La nazionalizzazione non mi pare una buona idea", sottolinea la segretaria Cgil

Lavoro, cig giù a marzo, ma solo su anno. Csc: Ripresa in altalena

Ripresa tra alti e bassi, cassa integrazione cala rispetto 2016

Ma tra marzo e febbraio la richiesta delle imprese di accedere alla cig è salita del 10,4%