Lunedì 31 Luglio 2017 - 11:30

Abi: Pil in crescita +1,3% all'anno. In calo sofferenze bancarie

Segnali positivi per l'economia nel rapporto AFO 2017-19. Le sofferenze dovrebbero ridursi di 30 miliardi

EUROBANCONOTE

Crescita del Pil a +1,3% nel 2017 e stabile su questo livello anche nel biennio successivo. E' lo scenario prospettato dall'Ufficio studi dell'Abi nel Rapporto di previsione AFO 2017-19. Nel complesso, secondo le previsioni dell'Associazione bancaria italiana, le manovre di bilancio si incammineranno su di un sentiero di rientro coerente con lo stato del ciclo: a fine 2019 il rapporto debito/Pil risulterà inferiore di quasi 5 punti percentuali al dato dello scorso anno.

L'Abi vede in miglioramento anche la qualità dell'attivo bancario tra il 2017 e il 2019, con una riduzione media annua del 15% delle sofferenze nette, e un calo del rapporto sofferenze nette su impieghi di oltre il 40% nel triennio. A fine 2019 il rapporto sofferenze/impieghi dovrebbe infatto collocarsi al 2,7%, valore inferiore di quasi 2 punti rispetto al 2016.

Secondo quanto riportato nel Rapporto di previsione AFO 2017-19, lo stock di sofferenze nette si dovrebbe ridurre di 30 miliardi di euro nel triennio di previsione (pari al 35% dello stock di fine 2016), col 75% della riduzione dello stock che riguarderebbe sofferenze in capo alle imprese

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Agcom, nuove sanzioni contro le Telco per fatturazioni scorrette

Continua, nonostante la legge, il sistema delle 4 settimane. Va avanti l'istruttoria contro l'eventualità di un "cartello"

In Kenya un centro di formazione spaziale sostenuto dall'Italia

Trova interesse e risposte la proposta di cooperazione dell'Agenzia Spaziale Italiana. I "nanosatelliti" come primo passo per l'Africa

Italo va negli Usa, accettata l'offerta da due miliardi del fondo Gip

Accordo con il Global Infrastructure Partners III funds

JAPAN-STOCKS

Borse, l'Europa riparte e si riprende le perdite. Milano +2,86%

Ottima giornata per le Piazze del Vecchio Continente. Tutte con guadagni superiori all'1,5%. Wall Street in altalena