Sabato 30 Settembre 2017 - 21:15

Agenzia europea del Farmaco. Milano supera il primo ostacolo

Valutazione positiva da parte della Comissione Ue. La decisione finale sarà presa a novembre

Il grattacielo Pirelli di Milano

La candidatura di Milano si conferma competitiva in vista dell'assegnazione della nuova sede dell'Agenzia europea del farmaco (Ema) che lascerà Londra dopo la Brexit. Il primo via libera è arrivata dalla Commissione europea, che ha pubblicato la valutazione delle 27 offerte ricevute dagli Stati membri per ospitare l'Autorità bancaria europea e l'Agenzia europea per i medicinali. La Commissione, si legge in una nota di Bruxelles, "ha valutato oggettivamente tutte le offerte sulla base dei criteri stabiliti dal Presidente Jean-Claude Juncker e dal Presidente Donald Tusk, e approvati dai capi di Stato e di governo". La valutazione, "interamente basata sulle informazioni trasmesse dagli Stati membri, rispetta la loro decisione di evitare la ponderazione dei criteri e non prevede alcun tipo di classificazione o di graduatoria".

Il documento rileva la presenza "dell'edificio Pirelli (50.260 m²), che secondo l'offerta sarà adattato per soddisfare tutte le esigenze di Ema" (nella foto) assicurando "la disponibilità di uffici e sale riunioni, un auditorium, un'area reception, così come la garanzia di sicurezza fisica". Inoltre la proposta italiana indica che i locali "saranno disponibili per Ema entro marzo 2019". Il documento sottolinea anche "la disponibilità di voli diretti tra Milano e tutte le capitali dell'Ue, con una frequenza che va da 2 a 256 voli a settimana" oltre a "una capacità di più di 1.500 camere in hotel", "la disponibilità di scuole internazionali", "l'accesso ai servizi sociali e alle cure mediche per i coniugi e i figli del personale".

Ricorda poi "che Milano è in una posizione leader in Italia in termini di opportunità di lavoro e accessibilità al mercato". Il principale svantaggio per la candidatura del capoluogo lombardo è che l'Italia ospita già due agenzie Ue decentralizzate, la Fondazione europea per la formazione di Torino e l'Autorità europea per la sicurezza alimentare a Parma.

Prossima tappa sarà la discussione politica, sulla base della valutazione della Commissione, in occasione del Consiglio Affari generali nel mese di ottobre. La decisione finale sarà presa nel mese successivo, sempre nel Consiglio Affari generali. "La buona notizia è che siamo in pole. Noi abbiamo una possibilità in più, perché abbiamo un edificio pronto che daremo gratuitamente", ha commentato il ministro della Salute Beatrice Lorenzin. "Il documento pubblicato oggi a Bruxelles conferma la solidità della nostra candidatura e l'elevatissima qualità dell'offerta del capoluogo lombardo", ha ribadito il ministro degli Affari esteri Angelino Alfano.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

PD - Sit in del Partito democratico sotto la sede dell?Agcom

Fatturazione ogni 4 settimane: stop per legge, ma le Telco vanno avanti

AgCom e Parlamento sono intervenuti, ma le compagnie telefoniche continuano a proporli. Per i consumatori un danno da un miliardo all'anno

Euro sign seen at former ECB headquarters in Frankfurt

La PA italiana paga a oltre 100 giorni. Deferita alla Corte Ue

A tre anni dalla prima denuncia, situazione deprecabile. Il pubblico deve alle aziende circa 64 miliardi

Milano, presidio contro mamma licenziata da IKEA

Istat, aumentano gli occupati. Ma sono a tempo determinato

Occupazione in crescita, ma qualitativamente discutibile. Diminuiscono gli "scoraggiati"

AUT, Jahresrückblick 2017

Volano i bitcoin. La criptomoneta elettronica vale 12mila dollari

Il loro valore continua a salire. C'è timore di una bolla che potrebbe esplodere, ma anche la possibilità che salgano ancora