Martedì 16 Giugno 2015 - 16:46

Agenzia spaziale italiana, accordo sulla sorveglianza dello spazio

IMG

Roma, 16 giu. (LaPresse) - L'obiettivo è contribuire a garantire la disponibilità a lungo termine delle infrastrutture, dei mezzi e dei servizi spaziali essenziali per la sicurezza dell'economia, della società e dei cittadini in Europa. Con questa finalità, i capi delle agenzie spaziali nazionali di Italia (Roberto Battiston), Francia (Jean-Yves Le Gall), Germania (Gerd Gruppe), Spagna (Francisco Marìn) e Regno Unito (David Parker) hanno deciso di formare un Consorzio e hanno sottoscritto, nel corso del Salone internazionale Paris Air Show, un accordo di sorveglianza dello spazio e di tracciamento (SST).

L'organismo avrà il compito di stabilire in Europa, un servizio per monitorare e tracciare gli oggetti, i detriti e i frammenti spaziali e di supportare gli operatori dei veicoli spaziali e gli utenti istituzionali che si occupano di servizi per la previsione e il monitoraggio di collisioni con detriti, frammenti e oggetti spaziali e del loro rientro incontrollato nell'atmosfera terrestre. I cinque Stati membri dell'Unione Europea coopereranno con il Centro satellitare dell'Unione Europea (Satcen), stabilito dall'azione comune del Consiglio dell'UE. "La Commissione Europea", è chiarito in una nota dell'Agenzia spaziale italiana, "prevede finanziamenti nel 2015-2020 per i servizi SST, aggiornando le infrastrutture e i sensori europei già esistenti tanto quanto lo sviluppo di nuovi assetti".

elb/adr

161641 Giu 2015

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Arresto latitante evaso da Rebibbia

Evaso a rischio radicalizzazione catturato: fuga in treno, tappa a Bologna

Fuggito da Milano, ha attraversato lo Stivale in treno. Preso a Palermo

La festa degli indiani Sikh a Brescia

Milano, nozze combinate in Bangladesh a 10 anni: mamma la salva

Il matrimonio organizzato dal padre tra la figlia e un 22enne. Ma la madre ha strappato i passaporti e denunciato il marito

migranti tratti in soccorso dalla MV Aquarius di MSF al largo della Libia

Migranti, bimbo nato a bordo nave Aquarius: si chiama 'Miracolo'

Il piccolo è venuto alla luce sull'imbarcazione di ricerca e soccorso gestita da Medici Senza Frontiere e Sos Mediterranee. Lui e la mamma stanno bene

Sole e nuvole ma fa caldo: il meteo del 27 e 28 maggio

Le previsioni del servizio meteorologico dell'aeronautica militare