Venerdì 11 Agosto 2017 - 11:15

Agguato a Foggia, il questore vieta i funerali pubblici ai boss

Per i due testimoni oculari è stato proclamato il lutto cittadino

Nessun funerale pubblico per Mario Luciano Romito e il cognato Matteo De Palma, i due boss della mafia garganica uccisi mercoledì sulla strada provinciale 272 tra Apricena e San Severo nei pressi della stazione di San Marco in Lamis, nel foggiano. La decisione è stata presa dal questore della città pugliese, Mario della Cioppa, e le esequie si sono svolte in forma strettamente privata a Manfredonia. 

Nell'agguato sono stati uccisi anche due contadini,  Aurelio e Luigi Luciani, perchè testimoni oculari involontari del delitto. I loro funerali si svolgeranno nel pomeriggio a San Marco in Lamis, dove è stato proclamato il lutto cittadino. 

Loading the player...

La decisione della questura arriva dopo la presa di posizione del ministro dell'Interno Marco Minniti. "La risposta dello Stato italiano rispetto alla morte di due cittadini inermi e innocenti sarà durissima, durissima", ha affermato. E saranno inviate sul territorio di Foggia "192 unità operative" e il "loro compito sarà quello di saturare il  territorio. Saranno unità che si aggiungono a quelle che ci sono già".

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Continuano le indagini sullo scandalo alimentare delle uova contaminate con l'insetticida Fipronil

Uova contaminate, migliaia sequestrate ad Ancona e Viterbo

Si aggiungono a quelli già comunicati dal Ministero della Salute

Ischia, Ciro il piccolo eroe: aiuta i soccorritori a salvare i fratellini

Ischia, Ciro il piccolo eroe: aiuta i soccorritori a salvare i fratellini

L'intera famiglia è stata salvata dalle macerie. "Un vero e proprio miracolo", commenta la direttrice sanitaria dell'Asl Napoli 2

Ischia, è polemica su case abusive: "Non si può morire per sisma 4.0"

Ischia, è polemica su case abusive: "Non si può morire per sisma 4.0"

"In molti casi è stato accertato che viene utilizzato cemento impoverito", accusa l'ex procuratore aggiunto di Napoli Aldo De Chiara