Giovedì 18 Maggio 2017 - 15:00

Agnelli in Antimafia: Mai subito minacce dagli ultras

Il presidente della Juve chiarisce la sua posizione in merito ai presunti legami con Dominello

Agnelli in Antimafia: Mai subito minacce dagli ultras

"Mai subito minacce dagli ultras". Lo ha detto il presidente della Juventus, Andrea Agnelli, in commissione parlamentare Antimafia rispondendo ad una domanda diretta del membro della commissione, Marco Di Lello. "Il grado di autonomia operativa di D'Angelo e Merulla e del loro dirigente Calvo era totale". Le linee generali impartite erano "che Juventus emettesse abbonamenti e biglietti solo a pagamento annullando omaggi e previa regolare presentazione dei documenti necessari per l'emissione dei biglietti", ha continuato il presidente della Juve. "Francesco Calvo - ha aggiunto - seguendo le direttive societarie ha sempre operato con delega piena e nel rispetto delle procedure. L'operatività della biglietteria così come strutturata non doveva investire livelli più alti: né quello degli Ad, cuoi Calvo rispondeva funzionalmente, né il mio cui rispondeva gerarchicamente.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Torino vs Juventus

Batosta contro il Napoli, i tifosi contestano la Juve: "Fuori i c..." | Video

Cori all'ingresso del centro sportivo di Vinovo, dove la squadra si allena in vista del match di sabato contro l'Inter

FBL-ITA-SERIE A-JUVENTUS-NAPOLI

Buffon: "Nessuna accusa a Benatia nello spogliatoio. Vogliono destabilizzarci"

Il capitano interviene sull'accesa discussione che ci sarebbe stata dopo la gara col Napoli. "Mai attaccato un compagno"

Juve, Allegri chiama al riscatto: "Ora serve qualcosa di straordinario"

La botta firmata Koulibaly si sente ancora, ma il tecnico non si abbatte: "Recuperiamo e prepariamo al meglio questo finale"

Juventus vs Napoli

Juve, Chiellini salta l'Inter: lesione al bicipite femorale

Brutte notizie per i bianconeri. Dopo l'infortunio durante il match con il Napoli, la sua stagione rischia di finire qui