Lunedì 08 Gennaio 2018 - 17:45

Alessandria, famiglia intossicata dal monossido: 3 morti

Mamma, papà e figlio hanno perso la vita per il malfunzionamento di una caldaia a metano

Brescia, incidente mortale alla gara di auto Malegno Borno

Tre persone sono morte a Vignole Borbera, in provincia di Alessandria, per intossicazione da monossido di carbonio. E' successo in località Molino 9.

È stato un vicino di casa a dare l'allarme al 112 nel pomeriggio di lunedì, ma il decesso potrebbe risalire alla notte di domenica. Le salme delle tre vittime - padre di 47 anni, madre di 44 e figlio di 20 - sono ora a disposizione dell'autorità giudiziaria, che disporrà l'autopsia.

Secondo i carabinieri a causare l'intossicazione da monossido di carbonio sarebbe stato il malfunzionamento di una caldaia a metano usata per scaldarsi dalla famiglia, residente in una vecchia casa. Sul posto, insieme ai soccorsi, sono intervenuti i militari dell'Arma di Novi Ligure. 

A Udine una coppia di anziani, marito e moglie, è stata trovata morta in casa dalla figlia.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Conferenza stampa AC Milan - Ritiro estivo per la stagione 2018/2019

Torino, 43 indagati per riciclaggio: tra loro c'è anche Gattuso

Al centro dell'indagine una società specializzata nell'allevamento di suini di cui l'allenatore del Milan era socio di minoranza

Ivrea è patrimonio mondiale dell'Unesco, è il 54esimo sito italiano

Una città che unisce un'esperienza innovativa di produzione industriale al benessere delle comunità locali

Luigi Di Maio a Torino

Olimpiadi 2026, Di Maio ricuce lo strappo: Torino si candida

Il ministro è riuscito a sedare la prima vera crisi tra Appendino e la sua maggioranza. Lunedì in consiglio comunale la presentazione del modello torinese

Consiglio Regionale del Piemonte

Olimpiadi 2026, la mossa disperata di Chiamparino per riacquistare centralità

Il governatore della Regione cerca nuovi spazi e chiede un incontro a Giorgetti. Ma per risollevare le sorti della Torino olimpica i suoi slanci a scoppio ritardato non sono sufficienti