Lunedì 20 Marzo 2017 - 08:45

Alibaba lancia una fondazione per la logistica verde

Il gigante dell'e-commerce investirà inizialmente circa 40 milioni di euro

Alibaba lancia una fondazione per la logistica verde

Il gigante cinese dell'e-commerce, Alibaba, ha annunciato la creazione di una fondazione dedicata a promuovere la logistica verde, con l'obiettivo di preservare l'ambiente nel Paese asiatico. Cainiao Green Alliance - questo il nome della fondazione lanciata da Cainiao (il consorzio che gestisce la piattaforma logistica di Alibaba), dalla Fondazione Alibaba, dalla Fondazione per la Protezione ambientale della Cina e da sei aziende cinesi del comparto - investirà inizialmente 300 milioni di yuan (40,4 milioni di euro) in ricerca mirata alla promozione della difesa ambientale nella logistica, nel consumo e nella catena d'approvvigionamento. Tra i temi sui quali si concentrerà la ricerca, l'innovazione nel campo del packaging ecologico, la promozione dell'impiego di energie pulite per i veicoli che effettuano le consegne merci e l'utilizzo di dati in logistica per ottimizzare le risorse.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

PD - Sit in del Partito democratico sotto la sede dell?Agcom

Fatturazione ogni 4 settimane: stop per legge, ma le Telco vanno avanti

AgCom e Parlamento sono intervenuti, ma le compagnie telefoniche continuano a proporli. Per i consumatori un danno da un miliardo all'anno

Euro sign seen at former ECB headquarters in Frankfurt

La PA italiana paga a oltre 100 giorni. Deferita alla Corte Ue

A tre anni dalla prima denuncia, situazione deprecabile. Il pubblico deve alle aziende circa 64 miliardi

Milano, presidio contro mamma licenziata da IKEA

Istat, aumentano gli occupati. Ma sono a tempo determinato

Occupazione in crescita, ma qualitativamente discutibile. Diminuiscono gli "scoraggiati"

AUT, Jahresrückblick 2017

Volano i bitcoin. La criptomoneta elettronica vale 12mila dollari

Il loro valore continua a salire. C'è timore di una bolla che potrebbe esplodere, ma anche la possibilità che salgano ancora