Venerdì 17 Marzo 2017 - 17:00

Alitalia, Ball: Misure sul personale dolorose ma necessarie

Previsti nel nuovo piano oltre 2mila esuberi e tagli salariali fino al 32%

Alitalia, Ball: Misure sul personale dolorose ma necessarie

"Le misure relative al personale sono dolorose, ma necessarie, insieme alla riduzione di altri costi operativi, per stabilizzare la situazione finanziaria della Compagnia e a garantirne la sostenibilità di lungo termine". Queste le parole di Cramer Ball, amministratore delegato di Alitalia, che oggi ha presentato ai sindacati i dettagli del piano industriale 2017-2021, contenente una riduzione dell'organico che riguarderà fino a duemila posti di lavoro.

"Questi cambiamenti sono essenziali se vogliamo competere in modo efficiente in un mercato del trasporto aereo europeo che è caratterizzato da una spietata concorrenza. Insieme ai sindacati e con il sostegno del governo italiano, lavoreremo, come è giusto e doveroso che sia, per cercare il modo per ridurre il più possibile l'impatto sociale del piano sul personale coinvolto", ha spiegato il manager.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Pier Carlo Padoan in Commissione Banche

Padoan in Commissione: "Mai autorizzato ministri a occuparsi di Banca Etruria"

In audizione ha risposto anche a una domanda direttamente legata al caso Boschi

Milano, presidio contro mamma licenziata da IKEA

Vantaggi fiscali illeciti a Ikea. L'Unione Europea indaga sull'Olanda

Due norme fiscali avrebbero favorito il colosso svedese dei mobili nei confronti della concorrenza. Ricavi spostati in Lussemburgo e Liechtenstein

PD - Sit in del Partito democratico sotto la sede dell?Agcom

Fatturazione ogni 4 settimane: stop per legge, ma le Telco vanno avanti

AgCom e Parlamento sono intervenuti, ma le compagnie telefoniche continuano a proporli. Per i consumatori un danno da un miliardo all'anno

Euro sign seen at former ECB headquarters in Frankfurt

La PA italiana paga a oltre 100 giorni. Deferita alla Corte Ue

A tre anni dalla prima denuncia, situazione deprecabile. Il pubblico deve alle aziende circa 64 miliardi