Venerdì 14 Aprile 2017 - 07:30

Alitalia, firmato pre-accordo con sindacati: ridotti gli esuberi

Il verbale approvato nella notte dopo una lunga giornata di negoziati

Aeroporto di Fiumicino, sciopero dei dipendenti Alitalia

E' stato firmato durante la notte un 'verbale di confronto' fra Alitalia, sindacati e associazioni professionali di categoria. Si tratta, in sostanza, di un preaccordo che dovrà ora essere approvato dai lavoratori con una consultazione referendaria. Se l'esito sarà positivo verrà sottoscritto un accordo coerente con il verbale stesso. Secondo il preaccordo, gli esuberi del personale a tempo indeterminato di Alitalia si ridurrebbero da 1.338 a 980. Diverse le misure messe in atto: dal superamento dei progetti di esternalizzazione delle aree manutentive e di altre esternalizzazione al ricorso alla cigs entro maggio 2017 per due anni. Ma anche riqualificazione e formazione del personale, incentivazione all'esodo e miglioramenti di produttività ed efficienza. 

Il ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda valuta "positivamente" il pre-accordo. "Alitalia - ha detto questa mattina a Radio24- avrà una struttura di costo, di lavoro e di contratto capace di renderla più competitiva. Abbiamo evitato esternalizzazioni e chiesto di mettere più risorse sulla parte di medio e lungo raggio che deve essere il business di Alitalia".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Telecom Italia new logo is seen at the headquarter in Rozzano neighbourhood of Milan

Cattaneo si dimette: dal 28 luglio non sarà più l'ad di Tim

Sei fonti vicine alla vicenda danno conferma a Reuters: l'amministratore delegato di Tim lascerà il posto ad Amos Genish

Banche venete, ok Governo a piano salvataggio. Padoan: Rispettate regole Ue

Ok del Consiglio dei ministri al decreto legge: 5,2 miliardi dallo Stato

Turismo, sarà un'estate da tutto esaurito. Cna: presenze +6,5%

In crescita anche gli stranieri (+2,5%), l'exploit trascinerà tutto il comparto turistico

Aumenta divario Nord-Sud su pil pro capite, occupazione, povertà

Lo certifica un rapporto della Cgia di Mestre: al Mezzogiorno uno su due a rischio