Venerdì 14 Aprile 2017 - 07:30

Alitalia, firmato pre-accordo con sindacati: ridotti gli esuberi

Il verbale approvato nella notte dopo una lunga giornata di negoziati

Aeroporto di Fiumicino, sciopero dei dipendenti Alitalia

E' stato firmato durante la notte un 'verbale di confronto' fra Alitalia, sindacati e associazioni professionali di categoria. Si tratta, in sostanza, di un preaccordo che dovrà ora essere approvato dai lavoratori con una consultazione referendaria. Se l'esito sarà positivo verrà sottoscritto un accordo coerente con il verbale stesso. Secondo il preaccordo, gli esuberi del personale a tempo indeterminato di Alitalia si ridurrebbero da 1.338 a 980. Diverse le misure messe in atto: dal superamento dei progetti di esternalizzazione delle aree manutentive e di altre esternalizzazione al ricorso alla cigs entro maggio 2017 per due anni. Ma anche riqualificazione e formazione del personale, incentivazione all'esodo e miglioramenti di produttività ed efficienza. 

Il ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda valuta "positivamente" il pre-accordo. "Alitalia - ha detto questa mattina a Radio24- avrà una struttura di costo, di lavoro e di contratto capace di renderla più competitiva. Abbiamo evitato esternalizzazioni e chiesto di mettere più risorse sulla parte di medio e lungo raggio che deve essere il business di Alitalia".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

LaPresse acquisisce gli archivi e i brand Olycom e Olimpia

Un patrimonio di 15 milioni di immagini che coprono tutto il '900 e si affiancano all'archivio LaPresse. Tra gli asset anche il marchio Publifoto

Bruxelles, conferenza stampa del commissario Malmstrom sui dazi Usa

Dazi, contrattacco Ue: misure su prodotti Usa per 2,8 miliardi di euro

Le misure adottate per ribilanciare la mossa di Trump su acciao e alluminio

Compravendita online dell'usato: la guida dell'Unione Nazionale Consumatori per acquisti sicuri

Dai vantaggi ai rischi, tutto quello che c'è da sapere sulla 'second hand economy'. Ecco come difendersi dalle truffe

Istat: carrello della spesa più caro del 4,2%

Le famiglie italiane spendono oltre 2500 euro al mese per la spesa

Ma cresce il gap: quella dei ricchi costa spendono 5 volte tanto quella dei poveri