Venerdì 17 Marzo 2017 - 14:15

Alitalia, oltre 2mila esuberi e tagli salariali. Sciopero il 5 aprile

I sindacati bocciano il nuovo piano industriale dopo il vertice con l'azienda. L'ad Ball: "Misure dolorose ma necessarie"

Alitalia, oltre 2mila esuberi e tagli salariali fino al 32%. Proclamato sciopero il 5 aprile

Sono 2.037 gli esuberi nel personale di terra di Alitalia previsti dal nuovo piano industriale. E' quanto si apprende da fonti sindacali. La riduzione riguarda il 51% dell'organico negli uffici. Ai 2.037 esuberi si aggiunge il problema del personale navigante - circa 400 persone - che ha il contratto di solidarietà in scadenza a fine 2017. Gli esuberi del personale a terra riguarderebbero, nello specifico, 1338 dipendenti a tempo indeterminato, 558 a tempo determinato e 151 dipendenti operativi all'estero.

A quanto si apprende nel piano industriale, illustrato ai sindacati, ci sono anche tagli salariali del 28% per i piloti sul medio raggio, 22% per quelli operativi sul lungo raggio e 32% per gli assistenti di volo.

Al termine dell'incontro con l'azienda, i sindacati hanno quindi bocciato il piano e confermato la volontà di proclamare uno sciopero unitario del settore aereo di 24 ore il prossimo 5 aprile. 

"Non c'è stato presentato un vero piano industriale, abbiamo avuto un piano che prevede solo un taglio di costi, un intervento solo occupazionale da 163 milioni di euro tra esuberi e taglio alle retribuzioni", ha dichiarato Nino Cortorillo, segretario Cgil Trasporti, dopo il vertice. "Sulla parte di prospettiva", continua, il piano " è veramente molto molto ridotto, si vede chiaramente che in questi mesi il cambio di piano è stato fatto dalle banche. Continuo a dire che questo non è un piano industriale ma un taglio secco dei costi".

I sindacati hanno chiesto la convocazione di un tavolo con il governo lunedì, ma "sugli esuberi non si tratta - sottolinea Cortorillo - Il nostro obiettivo come quello di qualunque sindacato non può che essere portarli a zero ". Quella di oggi "non è stata una trattativa è stata una presentazione del piano. Al prossimo appuntamento con il governo vediamo l'azienda se ci dice cose diverse e poi capiremo se sono in grado di modificare la situazione di oggi perché così come è non possiamo approvare il piano".

Nel frattempo è stato convocato per lunedì alle 16.30 al ministero dello Sviluppo Economico il tavolo con sindacati e Alitalia per discutere degli effetti del piano industriale. Per il governo saranno presenti oltre al ministro per lo Sviluppo economico, Carlo Calenda, il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti e il titolare di Infrastrutture e Trasporti, Graziano Delrio.

BALL: MISURE DOLOROSE MA NECESSARIE. "Le misure relative al personale sono dolorose, ma necessarie, insieme alla riduzione di altri costi operativi, per stabilizzare la situazione finanziaria della Compagnia e a garantirne la sostenibilità di lungo termine", ha dichiarato l'ad Cramer Ball.

"Questi cambiamenti sono essenziali se vogliamo competere in modo efficiente in un mercato del trasporto aereo europeo che è caratterizzato da una spietata concorrenza. Insieme ai sindacati e con il sostegno del governo italiano, lavoreremo, come è giusto e doveroso che sia, per cercare il modo per ridurre il più possibile l'impatto sociale del piano sul personale coinvolto", ha spiegato il manager.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Roma - Aereoporto di Fiumicino: Sciopero e corteo dei lavoratori precari di Alitalia

Alitalia, bocciato il referendum A Milano e Roma vince il 'no'

Alta la partecipazione al voto, con un'affluenza vicina al 90%

La manovra è legge: tutto quello che c'è da sapere sul decreto

La manovra è legge: tutto quello che c'è da sapere sul decreto

Dallo split payment al fondo per il sisma, tante le novità del testo

Referendum su Alitalia, a Milano e Roma vince il 'no': bocciato il piano aziendale

Referendum su Alitalia, vince il 'no': bocciato il piano aziendale

Vertice a Palazzo Chigi tra Gentiloni, Calenda e Delrio. Alta la partecipazione al voto, con un'affluenza vicina al 90%

Fitch boccia l'Italia e abbassa il rating a 'BBB': Rischio governo debole e populismo

Fitch abbassa rating Italia: Rischio governo debole e populismo

L'agenzia denuncia poi un peggioramento fiscale e l'instabilità del settore bancario