Lunedì 20 Marzo 2017 - 20:45

Allarme carne avariata, 30 milioni di chili da Brasile

Le indagini della polizia brasiliana coinvolgono i piu' grandi produttori mondiali

Allarme carne avariata, 30 milioni di chili da Brasile

L'Italia è uno dei maggiori importatori europei di carne dal Brasile per quantitativi superiori a 30 milioni di chili che hanno varcato i confini nel 2016. E' quanto emerge da una analisi della Coldiretti che chiede all'Unione Europea di bloccare l'importazione di carne dal Brasile come hanno già fatto Cina e Corea del Sud, in attesa che vengano garanzie sull'esclusione, dalla lista degli esportatori, delle aziende coinvolte nello scandalo di carne avariata. Le indagini della polizia brasiliana coinvolgono i piu' grandi produttori mondiali di carne con interessi anche in Italia che avrebbero aggirato controlli sanitari con la commercializzazione di carni avariate poi contraffatte attraverso l'acido ascorbico. Un rischio per i cittadini europei sul quale - conclude la Coldiretti - occorre fare immediatamente chiarezza per non mettere a rischio la salute dei consumatori.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Regno Unito, allarme in base Usa: auto contro barriere, un arresto

La struttura a Mildenhall è stata posta in lockdown

'La battaglia di Irene' - Foto tratta dalla pagina Facebook dell'Associazione Luca Coscioni

'La battaglia di Irene' e l'appello doloroso del marito per l'eutanasia

La donna, morta prima di ottenere il suicidio assistito in Svizzera, è il nuovo volto della campagna promossa dall'associazione Luca Coscioni

Natalia Mesa Bush da Borsalino

Fallita l'azienda Borsalino: respinto concordato Camperio per evitare la bancarotta

Toccherà ora al tribunale e a curatori fallimentari, Stefano Ambrosini e Paola Barisone, decidere come muoversi

Milano, presidio contro mamma licenziata da IKEA

Vantaggi fiscali illeciti a Ikea. L'Unione Europea indaga sull'Olanda

Due norme fiscali avrebbero favorito il colosso svedese dei mobili nei confronti della concorrenza. Ricavi spostati in Lussemburgo e Liechtenstein