Sabato 07 Ottobre 2017 - 19:30

Appendino accoglie la delegazione di Chambéry: 60 anni di gemellaggio con Torino

Nel pomeriggio la sindaca ha anche visitato il supermercato appena inaugurato al quartiere Vallette

Densa giornata di impegni oggi per Chiara Appendino. In mattinata la prima cittadina torinese ha accolto la delegazione di Chambéry per i festeggiamenti per il 60° anniversario del gemellaggio con la città francese. Nel pomeriggio la Sindaca prima ha visitato il supermercato appena inaugurato al quartiere Vallette, poi, insieme alla famiglia, ha passeggiato per le vie del centro fra Portici di Carta e Flor.

Appendino, che oggi ha risposto con una lettera sul tema del "presunto declino" di Torino di cui ieri si parlava in un editoriale del quotidiano La Stampa, ha scelto di partecipare all'evento torinese dedicato ai libri, proprio mentre è in corso in questi giorni il dibattito sulle prospettive della vocazione culturale torinese. Senza dimenticare la periferia, con la presenza alle Vallette, quartiere popolare della città.

Scritto da 
  • Laura Carcano
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Conferenza stampa AC Milan - Ritiro estivo per la stagione 2018/2019

Torino, 43 indagati per riciclaggio: tra loro c'è anche Gattuso

Al centro dell'indagine una società specializzata nell'allevamento di suini di cui l'allenatore del Milan era socio di minoranza

Ivrea è patrimonio mondiale dell'Unesco, è il 54esimo sito italiano

Una città che unisce un'esperienza innovativa di produzione industriale al benessere delle comunità locali

Luigi Di Maio a Torino

Olimpiadi 2026, Di Maio ricuce lo strappo: Torino si candida

Il ministro è riuscito a sedare la prima vera crisi tra Appendino e la sua maggioranza. Lunedì in consiglio comunale la presentazione del modello torinese

Consiglio Regionale del Piemonte

Olimpiadi 2026, la mossa disperata di Chiamparino per riacquistare centralità

Il governatore della Regione cerca nuovi spazi e chiede un incontro a Giorgetti. Ma per risollevare le sorti della Torino olimpica i suoi slanci a scoppio ritardato non sono sufficienti