Giovedì 12 Ottobre 2017 - 12:15

Caso Weinstein, Asia Argento: "Solo in Italia vengo considerata colpevole del mio stupro"

L'attrice commenta gli insulti e le accuse seguiti alla denuncia di violenza da parte del produttore Harvey Weinstein

Delusa e triste. Così si sente Asia Argento dopo aver denunciato lo stupro subito vent'anni fa da Harvey Weinstein. Come molte attrici di Hollywood, ha rivelato soltanto ora, a distanza di tanto tempo, di essere stata vittima delle molestie e degli abusi del noto produttore: bloccate per anni dalla paura, si sono fatte forza l'un l'altra - capitanate da Rose McGowan - per rendere note le violenze di Weinstein. Le sue parole, però, hanno scatenato una valanga di insulti e commenti in cui viene data a lei la colpa di quanto accaduto.

"Ho denunciato uno stupro e per questo vengo considerata una troia. Abbiamo denunciato tutte dopo 20 anni perché avevamo paura di quel mostro che è (era) uno degli uomini più potenti al mondo. Solo in Italia vengo considerata colpevole del mio stupro perché non ne parlai quiando avevo 21 anni ed ero terrorizzata. Vergognatevi, tutti. Siete dei mostri", scrive l'attrice amareggiata su Twitter. E poi cerca di far riflettere sul fatto che è proprio questo atteggiamento che blocca le donne dal denunciare: preferiscono subire violenze, rispetto a perdere credibilità in pubblico. "A tutti gli italiani che mi chiamano prostituta dopo quello che è successo: è colpa di persone come voi se le donne hanno paura a parlare", contina sui social network la figlia di Dario Argento

Dalla regista Francesca Archibugi al rapper Frankie hi-nrg mc, sono tanti i tweet a sostegno delle parole di Asia Argento

 

 

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Photocall del film A casa tutti bene

Gabriele Muccino trionfa al box office: "Il pubblico vuole emozioni"

"A casa tutti bene" supera "Cinquanta sfumature di rosso"

BRITAIN-ENTERTAINMENT-FILM-AWARDS-BAFTA

Bafta 2018, tutti i vincitori: miglior adattamento a "Chiamami col tuo nome"

Gli Oscar britannici all'insegna del colore nero contro le molestie, come accaduto per i Golden Globes

MTV Movie & TV Awards a Los Angeles

Molestie, in Gb nasce fondo per vittime: Emma Watson dona 1 milione di sterline

Tante le attrici britanniche che hanno seguito il suo esempio: da Kate Winslet a Keira Knightley

David 2018, "Gatta Cenerentola" entra nella storia: è il primo cartoon candidato come Miglior Film

La favola di Basile reinterpretata in chiave futuristica e portata al cinema dai disegni di Alessandro Rak è nella cinquina dei migliori film italiani del 2017