Giovedì 07 Settembre 2017 - 17:45

Raggi: "Salveremo Atac mantenendola pubblica"

Durante il consiglio comunale, la sindaca ha chiarito che non ci saranno tagli dei posti di lavoro

Incontro in prefettura tra i rappresentanti dei movimenti per la casa e le istituzioni a seguito dello sgombero di Via Curtatone

 "Noi la salveremo mantenendola pubblica. Salveremo un patrimonio che appartiene a tutti i romani e i posti di lavoro, restituendo all'azienda efficenza e qualità del servizio". Così il sindaco di Roma, Virginia Raggi, nel corso del consiglio comunale straordinario su Atac. Tre gli obiettivi "ben precisi e inderogabili": "mantenere Atac pubblica; salvaguardare i livelli occupazionali e i salari dei dipendenti; risanare l'azienda per assicurare un servizio efficiente e di qualità".

"Avremmo potuto fare quello che hanno fatto altri: girare la testa dell'altra parte, continuare a vivacchiare. Abbiamo deciso - ha continuato il sindaco - di mettere le mani in un disastro. Oggi noi scoperchiamo il rapporto malato tra comune e Atac, tra politica e società partecipate, i bancomat della politica". 

"Salveremo un patrimonio che appartiene a tutti i romani. Salveremo migliaia di posti di lavoro e gli stipendi dei dipendenti, rilanceremo un servizio pubblico fondamentale per i cittadini della capitale e per i turisti e pendolari che la vivono e visitano ogni giorno. Lo strumento per concretizzare questo impegno, che stiamo studiando ormai da un anno, si chiama 'concordato preventivo in continuità'. Una procedura - spiega la prima cittadina - che, sotto l'egida del tribunale, prevede la realizzazione di un piano per onorare gli impegni della società nei confronti dei propri debitori e in accordo con gli stessi debitori. Consentendo all'Atac di proseguire la sua attività sulla base di un piano industriale che dovrà restituire all'azienda efficienza operativa e qualità del servizio". 

"Abbiamo già iniziato un lavoro di rilancio della società dal punto di vista operativo - prosegue la sindaca -. Questa azione ci ha consentito di rimettere in strada 45 filobus, che giacevano abbandonati in un deposito come simbolo di spreco e finiti in un'inchiesta per presunte tangenti; di sbloccare l'acquisto di 150 autobus ai quali se ne aggiungeranno 80 entro l'autunno; di prevedere in Bilancio 430 milioni di euro per gli investimenti nelle infrastrutture, di stanziare 18 milioni per la manutenzione delle Metro A e B; di attivare 487 telecamere sugli autobus per la sicurezza; di potenziare la lotta all'evasione tariffaria, grazie a nuove task force di controllori". E promette: "Grazie al nostro intervento l'Atac ha migliori margini reddituali con trend di crescita positiva. E sarà in grado di produrre utili". 

Mentre i sindacati si sono mostrati preoccupati e hanno posto come condizioni imprescindibili che il concordato non intervenga sul salario dei lavoratori e sul numero di dipendenti, il Codacons ha risposto: "Non permetteremo la trasformazione dei cittadini in ostaggi dei sindacati attraverso continue e reiterate interruzioni del servizio di trasporto pubblico che potrebbero durare tutto l'autunno, e siamo pronti a trascinare in tribunale chiunque violerà le norme di settore". Così ha dichiarato il presidente Carlo Rienzi aggiungendo: "L'Autorità garante degli scioperi e il Prefetto devono intervenire per impedire che le rivendicazioni dei lavoratori Atac si trasformino in una violenza a danno degli utenti, con ripercussioni anche economiche considerato che i romani acquistano gli abbonamenti a bus e metro in cambio di un servizio di trasporto continuativo". 

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Latina, uccide ladro: indagato per eccesso colposo di difesa

Latina, uccide ladro: avvocato indagato per eccesso colposo di difesa

Francesco Palumbo, legale 47enne, ha sparato dopo aver sorpreso i malviventi in casa dei genitori

Vietata la 'marcia su Roma' di Forza Nuova: lo stop dalla questura

Vietata la 'marcia su Roma' di Forza Nuova: lo stop dalla questura

Tra le motivazioni gli elevati rischi per l'ordine pubblico. Ieri il no di Raggi e Minniti al corteo

Roma, evasione Rebibbia: chiesto processo a ex direttore e altri 13

Roma, evasione Rebibbia: chiesto processo a ex direttore e altri 13

Secondo la pm il personale del carcere avrebbe facilitato la fuga di tre detenuti con una serie di omissioni

Cambogia, addestramento topi anti-mine

Roma, la scuola di Settecamini invasa dai topi riapre mercoledì

L'Istituto ospita 450 bambini delle elementari