Martedì 01 Agosto 2017 - 18:15

Torino, neonata in coma: padre indagato per lesioni gravi

Il padre della neonata le avrebbe rotto varie costole e causato un trauma cranico perché la piccola non smetteva di piangere

Prato, conferenza stampa della procura su frode sportiva e favoreggiamento

"Piangeva, non sapevo come farla smettere", così il padre della bambina di due mesi ricoverata all'ospedale infantile Regina Margherita di Torino confessa di aver causare il trauma cranico e la rottura di diverse delle costole della piccola, finita in coma. 

Erano stati i genitori, entrambi di Stoppiana, nella provincia di Vercelli, ad accompagnare la bimba in ospedale in gravi condizioni: non era la prima volta che veniva ricoverata, già a giugno il padre aveva detto che la piccola era caduta mentre la teneva in braccio, poi di nuovo per un herpes. Al terzo ricovero però sono scattati le indagini sulla madre, il padre e la nonna. L’uomo però ha ammesso le sue colpe: la Procura lo ha indagato con l'accusa di lesioni gravi e maltrattamenti

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Conferenza stampa AC Milan - Ritiro estivo per la stagione 2018/2019

Torino, 43 indagati per riciclaggio: tra loro c'è anche Gattuso

Al centro dell'indagine una società specializzata nell'allevamento di suini di cui l'allenatore del Milan era socio di minoranza

Ivrea è patrimonio mondiale dell'Unesco, è il 54esimo sito italiano

Una città che unisce un'esperienza innovativa di produzione industriale al benessere delle comunità locali

Luigi Di Maio a Torino

Olimpiadi 2026, Di Maio ricuce lo strappo: Torino si candida

Il ministro è riuscito a sedare la prima vera crisi tra Appendino e la sua maggioranza. Lunedì in consiglio comunale la presentazione del modello torinese

Consiglio Regionale del Piemonte

Olimpiadi 2026, la mossa disperata di Chiamparino per riacquistare centralità

Il governatore della Regione cerca nuovi spazi e chiede un incontro a Giorgetti. Ma per risollevare le sorti della Torino olimpica i suoi slanci a scoppio ritardato non sono sufficienti