Martedì 01 Agosto 2017 - 18:15

Torino, neonata in coma: padre indagato per lesioni gravi

Il padre della neonata le avrebbe rotto varie costole e causato un trauma cranico perché la piccola non smetteva di piangere

Prato, conferenza stampa della procura su frode sportiva e favoreggiamento

"Piangeva, non sapevo come farla smettere", così il padre della bambina di due mesi ricoverata all'ospedale infantile Regina Margherita di Torino confessa di aver causare il trauma cranico e la rottura di diverse delle costole della piccola, finita in coma. 

Erano stati i genitori, entrambi di Stoppiana, nella provincia di Vercelli, ad accompagnare la bimba in ospedale in gravi condizioni: non era la prima volta che veniva ricoverata, già a giugno il padre aveva detto che la piccola era caduta mentre la teneva in braccio, poi di nuovo per un herpes. Al terzo ricovero però sono scattati le indagini sulla madre, il padre e la nonna. L’uomo però ha ammesso le sue colpe: la Procura lo ha indagato con l'accusa di lesioni gravi e maltrattamenti

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Torino, spara alla testa a una donna e poi si uccide

Torino, spara alla testa a una donna e poi si uccide in strada

Secondo le prime ricostruzioni il movente è sentimentale

Valsusa, è uscito dal coma Matteo, il ragazzo travolto dal furgone a Condove

Valsusa, è uscito dal coma il motociclista travolto dal furgone

Nell'incidente morì la sua giovane fidanzata Elisa Ferrero. Il conducente è in carcere con l'accusa di omicidio volontario

'Sei fidanzata con un africano': negoziante rifiuta lavoro a ragazza - Foto tratta dal profilo Facebook della giovane

'Sei fidanzata con un africano': negoziante rifiuta lavoro a ragazza

Dopo il caso di Paolo a Cervia, un nuovo triste episodio a Torino

Torino, evasi due giovani detenuti: non rientrano dopo permesso

Torino, evasi due giovani detenuti: non rientrano dopo permesso

Si tratta di un colombiano di 19 anni e un tunisino di 18 anni