Martedì 01 Agosto 2017 - 18:15

Torino, neonata in coma: padre indagato per lesioni gravi

Il padre della neonata le avrebbe rotto varie costole e causato un trauma cranico perché la piccola non smetteva di piangere

Prato, conferenza stampa della procura su frode sportiva e favoreggiamento

"Piangeva, non sapevo come farla smettere", così il padre della bambina di due mesi ricoverata all'ospedale infantile Regina Margherita di Torino confessa di aver causare il trauma cranico e la rottura di diverse delle costole della piccola, finita in coma. 

Erano stati i genitori, entrambi di Stoppiana, nella provincia di Vercelli, ad accompagnare la bimba in ospedale in gravi condizioni: non era la prima volta che veniva ricoverata, già a giugno il padre aveva detto che la piccola era caduta mentre la teneva in braccio, poi di nuovo per un herpes. Al terzo ricovero però sono scattati le indagini sulla madre, il padre e la nonna. L’uomo però ha ammesso le sue colpe: la Procura lo ha indagato con l'accusa di lesioni gravi e maltrattamenti

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Prima nevicata a Milano

Neve e ghiaccio su strade e ferrovie. Blocchi in Piemonte e Liguria. Rischi alluvione in Toscana

Situazione complicata per i trasporti nel Nord Ovest. Chiuse autostrade e linee ferroviarie. La spiegazione della parola "gelicidio"

The logo of Thyssen Krupp AG is pictured at the gate one of the ThyssenKrupp steel plant in Duisburg

Thyssen, sette vittime, dieci anni, cinque processi e sei condanne

I numeri di una vicenda atroce. In primo grado l'omicidio con dolo eventuale. Poi diventato colposo con riduzione delle pene: quattro dirigenti italiani in carcere, ma i due tedeschi...

Dopo Vercelli, chieste le telecamere negli asili. Cosa ne pensate?

Alcune famiglie dei bimbi che hanno subito le violenze delle maestre, vogliono che la scuola sia in grado di controllare quello che accade nelle classi. Un sondaggio di LaPresse

Violentata ripetutamente da amico di famiglia: incinta a 11 anni

Arrestato a Barriera di Milano, in provincia di Torino, un uomo di 35 anni che la bambina chiamava zio