Giovedì 07 Settembre 2017 - 12:15

Barcellona, terroristi Catalogna passarono dalla Torre Eiffel

I terroristi responsabili degli attacchi di agosto in Catalogna, di Barcellona e Cambrils, che pochi giorni prima si erano recati a Parigi, erano stati alla Torre Eiffel. È quanto ha rivelato il ministro dell'Interno francese, Gérard Collomb, in un'intervista all'emittente France Info, ricordando anche che durante la loro tappa a Parigi prima di tornare in Spagna gli attentatori hanno anche comprato una macchina fotografica alla Fnac.

Collomb ha spiegato che la ricostruzione è stata fatta tramite i cellulari, che sono in mano alle forze dell'ordine spagnole. Il ministro ha riferito anche che è stato un impiegato di una società di gestione delle autostrade che, tramite una verifica della targa, ha permesso di scoprire che l'Audi usata dai terroristi di Cambrils la mattina del 18 agosto era stata alcuni giorni prima in Francia.

La procura antiterrorismo di Parigi, che collabora con la giustizia spagnola sulla cellula jihadista, lo scorso 23 agosto ha riferito che due o tre degli attentatori della Catalogna erano stati nella regione di Parigi l'11 e il 12 agosto per un viaggio lampo, le cui motivazioni sono da chiarire. Il procuratore, François Molins, aveva affermato allora che "nessuno può credere che questo viaggio lampo sia stato fatto per comprare una macchina fotografica alla Fnac" e che gli investigatori avrebbero verificato eventuali contatti con altre persone, nonché se i terroristi fossero venuti a recuperare materiale o a ispezionare qualche luogo. 

Si sa che i terroristi hanno alloggiato in un hotel di Malakoff, città a sud di Parigi e vicina a Villejuif, dove ieri è stato scoperto in modo casuale in un appartamento un laboratorio per la fabbricazione di esplosivo TATP, cioè il perossido di acetone noto come 'madre di Satana', usato dall'Isis in diversi attacchi in Europa. Si tratta dello stesso esplosivo che ha fatto saltare in aria la casa di Alcanar in Spagna, in cui avevano la loro base i terroristi della Catalogna. Tre persone sono state fermate per presunti legami con il laboratorio di Villejuif, del quale Collomb ha detto che "è forse possibile" che ci sia qualche relazione con il gruppo di Alcanar, anche se si è mostrato molto causo in proposito. 

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Iraq,attacchi kamikaze a Tarmiyah e Mossul

Iraq, camion-bomba al mercato: 20 morti e 40 feriti

Kamikaze in azione in una piazza affollata della città di Tuz Khurmatu, a sud di Kirkuk

Brennero, controlli della polizia austriaca ad un treno merci

Germania, pianificavano attacco a mercatino di Natale: sei arresti

Sarebbero arrivati nel Paese con identità false, spacciandosi per rifugiati in fuga dalla guerra

Risultati candidatura ema milano

Ema, polemiche dopo la sconfitta. Maroni: "C'è stata scorrettezza"

L'Agenzia del Farmaco finita ad Amsterdam per sorteggio. Il governatore lombardo: "Gentiloni e Alfano potevano farsi vedere". Tutti contro il sistema di decisione

Russian President Putin looks on during a signing ceremony during a signing ceremony after a meeting with President of Georgia's breakaway South Ossetia region Bibilov at the Novo-Ogaryovo state residence outside Moscow

Putin cerca la pace in Mediorente: incontro con Assad contro il terrorismo

Il presidente russo ha annunciato l'intenzione di parlare anche con l'emiro del Qatar, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e i leader mediorientali