Giovedì 02 Febbraio 2017 - 10:15

Bce: I tassi di interesse rimarranno bassi per lungo tempo

Prosegue crescita ma "non segnali tendenza al rialzo dell'inflazione"

Bce: Sta proseguendo l'espansione economica dell'Eurozona

"Nell'area dell'euro l'espansione economica prosegue e si rafforza, trainata principalmente dalla domanda interna. In prospettiva, è atteso un suo ulteriore consolidamento". E' quanto si legge nel bollettino della Bce reso noto oggi successivo alla riunione del consiglio della settimana scorsa. I durevoli incrementi dell'occupazione, segnala la Bce, "che beneficiano anche delle passate riforme strutturali, forniscono sostegno ai consumi privati attraverso l'aumento del reddito disponibile reale delle famiglie". Al tempo stesso, aggiunge l'Eurotower, la crescita economica dell'area dell'euro risulta frenata "dalla lenta attuazione delle riforme strutturali e dagli ulteriori aggiustamenti dei bilanci in diversi settori. I rischi per le prospettive di crescita nell'area restano orientati al ribasso, e sono connessi principalmente a fattori mondiali". Nonostante il forte incremento sui dodici mesi della componente relativa ai beni energetici, "non vi sono ancora segnali convincenti di una tendenza al rialzo dell'inflazione di fondo" nell'eurozona".

TASSI. Il Consiglio direttivo della Bce continua ad attendersi che i tassi di riferimento "si mantengano su un livello pari o inferiore a quello attuale per un prolungato periodo di tempo e ben oltre l'orizzonte degli acquisti netti di attività". Quanto alle misure non convenzionali di politica monetaria, il Consiglio direttivo ha confermato che l'Eurosistema "continuerà a condurre acquisti nell'ambito del programma di acquisto di attività all'attuale ritmo mensile di 80 miliardi di euro sino alla fine di marzo 2017". Come noto inoltre, da aprile 2017, il consiglio direttivo intende proseguire gli acquisti netti di attività a un ritmo mensile di 60 miliardi di euro sino alla fine di dicembre 2017 o anche oltre se necessario, e in ogni caso finché non riscontrerà un aggiustamento durevole dell'evoluzione dei prezzi, coerente con il proprio obiettivo di inflazione al 2%.
 

INFLAZIONE In prospettiva, sulla base delle quotazioni correnti dei contratti future sul petrolio, "è probabile che l'inflazione complessiva aumenti ulteriormente nel breve periodo, riflettendo in gran parte movimenti del tasso di variazione sui dodici mesi dei prezzi dell'energia". Tuttavia, le misure dell'inflazione di fondo dovrebbero mostrare un incremento più graduale nel medio termine, secondo la Bce, "sostenute dalle misure di politica monetaria della Bce, dall'attesa ripresa economica e dalla corrispondente graduale riduzione della capacità produttiva inutilizzata".
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Dallo smartphone diagnostico alla cura delle api. Ecco i premi Marzotto 2017

Assegnati a Roma al teatro Brancaccio. Due milioni e mezzo di euro a sostegno di start up e imprese innovative

Assemblea Abi a Roma

Ocse: "Cala rapporto tasse/Pil, Italia al sesto posto nell'area"

Il rapporto tra tasse e Pil è sceso di quattro decimi di punto rispetto al 2016

Milano, manifestazione Cgil Cisl e Uil

Pensioni, governo apre su donne e giovani. Ma a Cgil non basta: sindacati divisi

Gentiloni: "Paccheto importante e sostenibile". Camusso: "Insufficiente, 2 dicembre mobilitazione"