Domenica 10 Settembre 2017 - 20:30

Benevento-Torino 0-1, Sirigu e Iago affondano i sanniti

Un gol di Iago Falque al 93' consente al Torino di espugnare il Ciro Vigorito di Benevento

Benevento Calcio vs Torino Football Club

Un gol di Iago Falque al 93' consente al Torino di espugnare il Ciro Vigorito di Benevento nel posticipo della terza giornata del campionato di Serie A. Un risultato che premia forse oltre i meriti i granata di Sinisa Mihajlovic, tenuti a galla da un grande Salvatore Sirigu autore di almeno 3-4 grandi parate che hanno negato la gioia del primo gol casalingo alla squadra di Marco Baroni.

Toro in difficoltà nel primo tempo, meglio nella ripresa quando ha schiacciato i sanniti riuscendo alla fine a sbloccare il risultato. Terza sconfitta consecutiva per il Benevento che deve ancora rimandare l'appuntamento con il primo storico punto in Serie A. I giallorossi escono però dal Vigorito a testa alta al termine di una partita di grande cuore. Resta però il rammarico per un gol che non arriva, anche oggi i sanniti hanno costruito tanto senza riuscire a concretizzare. Due squadre profondamente rinnovate quelle che scendono in campo al Vigorito, nelle file sannite esordio in difesa per Antei, a centrocampo per Memushaj e in attacco per Iemmello. Nelle file granata, invece, Mihajlovic schiera subito Niang nel tridente sulla trequarti alle spalle di Belotti. Partita che inizia con qualche minuto di ritardo a causa di un autentico nubifragio che si abbatte sullo stadio, il campo però è in perfette condizioni.

 

Buona la partenza del Benevento con Memushaj a centrocampo molto attivo, mentre Ciciretti e D'Alessandro sulle fasce fanno subito valere la loro velocità. Torino che dopo qualche minuto di assestamento dimostra di essere sempre pericoloso quando si affaccia sulla trequarti avversaria. Dopo dieci minuti però Mihajlovic perde Obi per infortunio e inserisce Acquah. È del Benevento la prima occasione intorno al 20' con una punizione mancina velenosa di Ciciretti respinta con difficoltà da Sirigu. I sanniti giocano con grande ritmo e si rendono pericolosi ancora con Iemmello, Lucioni, il solito Ciciretti. È poi ancora Sirigu a negare il gol al Benevento con una grande parata su tiro di Coda. La replica granata, prima con una girata debole di Belotti da centro area, poi con un destro dal limite di Ljajic forte e centrale che Belec respinge a fatica.

Nel secondo tempo il Torino scende in campo con maggior determinazione e concentrazione. Sono proprio i granata a sfiorare il vantaggio dopo una decina di minuti con un cross dalla destra di Niang deviato accidentalmente da Antei su cui Belec non si fa sorprendere. Per Mihajlovic però piove sul bagnato per quanto riguarda gli infortunio, visto che anche Acquah è costretto ad uscire per noie muscolari. Al suo posto dentro un Baselli non al meglio. Il Benevento non riesce più ad uscire, così Baroni prova a ridare linfa alle fasce inserendo Lazaar al posto dell'esausto D'Alessandro e Puscas al posto di Iemmello. Nel Toro esce Niang ed entra Berenguer. Il forcing granata si fa sempre più insistente, con Ljajic prima e Baselli poi che hanno la palla buona ma sprecano. Solo nel finale si rivede il Benevento che sfiora però il vantaggio prima con un destro dai venti metri di Cataldi bloccato a terra dall'ottimo Sirigu e poi con un sinistro da centro area del neo entrato Lazaar su cui è ancora decisivo il portiere granata nella deviazione. In pieno recupero arriva la beffa per i sanniti: il Toro passa con un gol di sinistro di Iago Falque, perfetto nell'inserimento sull'assist di Ljajic

Scritto da 
  • Antonio Martelli
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Inter vs Bologna

Serie A, la ventiquattresima giornata in diretta

Dopo Juventus-Fiorentina, SPAL-Milan, Crotone-Atalanta e Napoli-Lazio tutte in altre in campo

Morto Bruno Pace, giocò nel Bologna tra gli anni '60 e '70

Molti lo ricordano su Twitter: dai team calcistici ai colleghi sul campo

Inter - Genoa

Diritti calcio, la Lega Serie A accetta l'offerta di Mediapro. Sky: "Pronta diffida"

La società spagnola disposta a pagare oltre un miliardo all'anno per il triennio 2018/21. I presidenti: "Ora la parola all'antitrust"