Giovedì 19 Maggio 2016 - 12:00

Biagio Antonacci assolto da accusa evasione fiscale per 3,5 milioni

Il fatto non è più previsto dalla legge come reato

Biagio Antonacci assolto da accusa evasione fiscale per 3,5 milioni

E' stato assolto "perché il fatto non è più previsto dalla legge come reato" il cantante Biagio Antonacci, accusato di una maxi frode fiscale da 3,5 milioni di euro, messa a segno tra il 2004 e il 2008. Lo ha deciso il giudice monocratico della terza sezione penale di Milano, Luigi Varenelli, che ha anche dichiarato prescritto il reato di infedele dichiarazione dei redditi relativamente agli anni compresi tra il 2004 e il 2007. In relazione all'anno fiscale 2007, il giudice ha sottolineato come "il fatto non è più previsto dalla legge come reato" perché, in base a quanto previsto dalla normativa, le evasioni fiscali inferiori ai 150mila euro non sono più penalmente rilevanti. Il viceprocuratore onorario, invece, aveva chiesto di condannare il cantante a 1 anno e 6 mesi di reclusione.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Italo Calvino

Addio Chichita Calvino: la vedova di Italo morta a 93 anni

Era rimasta a fianco dello scrittore fino alla morte, avvenuta nel 1985 a Siena

Parco Sempione: tutti insieme senza muri

Saviano: "Via scorta? Salvini non conosce 'abc'. Io leader? Non serve"

Dal palco della Tavolata solidale al Parco Sempione a Milano, lo scrittore rinfocola la querelle

Cadavere in fiume a Lubiana: è di Davide Maran, studente italiano

Il giovane 26enne originario di Cento era sparito da marzo