Martedì 12 Settembre 2017 - 13:00

Bimbi non vaccinati respinti dalle scuole. I primi casi a Milano e Udine

In entrambe le situazioni sono stati coinvolti i carabinieri, ma i piccoli sono dovuti tornare a casa. Questioni no vax e questioni di privacy

Protesta contro l'approvazione del dl sui vaccini obbligatori

Cominciano le scuole e scoppiano le prime questioni legate all'obbligo di vaccinazione. I primi casi a Milano e Udine dove i genitori che (per motivi diversi) non avevano vaccinato i figli e non avevano prodotto la relativa autocertificazione, si sono visti costretti a riportare lo scolaro a casa. In entrambi i casi sono stati coinvolti i carabinieri chiamati dai genitori.

Milano - Bambino respinto all'asilo di via Goldoni dove i genitori l'hanno portato a scuola non vaccinato e, quindi senza certificazione della Asl né autocertificazione. La direzione ha detto che il piccolo non poteva entrare e i genitori hanno chiamato i carabinieri. In base alla normativa vigente i carabinieri non hanno potuto fare altro che verbalizzare l'accaduto e invitare papà e mamma a riportare il figlio a casa. Stessa scena in un'altra scuola di Sesto San Giovanni. I genitori, in questo caso, sono andati direttamente dai carabinieri a presentare un esposto.

Udine - A Udine un caso un po' diverso. Una madre, pur affermando di voler far vaccinare la sua bambina, si è rifiutata di presentare qualunque certificato per questioni di privacy. Anche qui, la signora ha chiamato i carabinieri che, imbarazzati ma fermi, l'hanno invitata a tornare a casa con la bambina. La signora ha raccontato poi tutto sul suo profilo Facebook dove, però, posta testi e argomentazioni decisamente no vax.

La Regione - "Quello che è accaduto questa mattina a Milano e Sesto San Giovanni, con l'intervento delle forze dell'ordine chiamate per impedire l'ingresso a scuola di due bambini, è proprio ciò che avremmo voluto evitare con il nostro 'Percorso formale di recupero dell'inadempimento'". Lo ha detto l'assessore al Welfare di Regione Lombardia, Giulio Gallera, in relazione all'allontanamento di alcuni bambini dalle scuola, a Milano e Sesto San Giovanni, a causa della mancata documentazione richiesta per l'iscrizione a scuola, comprovante lo stato vaccinale, per chi in regola, o la richiesta di prenotazione della profilassi, per gli inadempienti. "Lo utilizzeremo ora - ha continuato - per convincere, attraverso il dialogo con i nostri esperti, questi e altri genitori che possiedono dubbi e resistenze, a vaccinare i propri figli e farli tornare presto a scuola. Il numero esiguo di casi di allontanamento finora segnalati, comunque, conferma l'efficacia della semplificazione delle procedure da noi sollecitata e concessa attraverso la circolare ministeriale dell'1 settembre, da noi ribattezzata 'Circolare Lombardia'".

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Milano, processo a carico di Alexander Boettcher e Martina Levato

La Cassazione conferma: il figlio della coppia dell'acido si può adottare

Il bambino nato a Ferragosto del 2015 deve essere cresciuto da un'altra famiglia, soprattutto tenendo conto della "lunga detenzione" che aspetta la madre e il padre

Milano, ragazza violentata con la droga dello stupro: 3 arresti

A nove mesi dall'aggressione i tre colpevoli in manette

Veronica Lario

Divorzio da Berlusconi, Veronica Lario ricorre in Cassazione

L'ex moglie del Cavaliere non intende restituire i 45 milioni e non è d'accordo sulla riduzione dell'assegno di mantenimento

Conferenza stampa Radicali su elezioni regionali

Assoluzione per Cappato. Questione di dignità. La pm: "Lui è anche lo Stato"

Requisitoria particolare, quella di Tiziana Siciliano in Assise a Milano. Su Dj Fabo: "Viene da chiedersi 'se questo è un uomo'"