Giovedì 04 Gennaio 2018 - 14:15

Boom di consumi a Natale. Acquisti in crescita del 15,6%

Uno studio Coop-Nomisma. Tutti gli indicatori favorevoli anche per il 2018. E c'è maggiore ottimismo nei pensieri degli italiani

Il 2018 parte con lo slancio giusto sul fronte dei consumi: l'anno si è chiuso con un boom di vendite sotto l'albero e la settimana di Natale fa registrare un aumento del 15,6% rispetto alla stessa settimana di un anno prima. È quanto emerge dal sondaggio di fine anno Coop-Nomisma. Nelle buste della spesa più carne che pesce, molta gastronomia e formaggi, con un Centro Sud che guida la classifica degli acquisti (Campania in testa con un +16,2% seguita da Molise, Umbria, Puglia). In controtendenza ma giustificato dall'effetto Natale anche il dato di un +9,7% segnato dai settori no food (giochi, elettronica). E se il 2017 è stato per i consumi un anno migliore delle attese sfiorando l'1,5%, sono buoni gli auspici anche per il 2018 grazie a un aumento del potere d'acquisto delle famiglie che dovrebbe raggiungere ritmi di crescita prossimi all'1%. Un bicchiere mezzo pieno che toccherà stando alle previsioni più i comparti dell'audiovisivo, computer e accessori (+8,5% nel 2018), telefoni e equipaggiamento (+7,8%) e solo in parte l'alimentare (+ 2,1%). Stando poi alla distribuzione moderna l'andamento sarà ancora positivo (+1%) ma più che dimezzato nei ritmi di marcia rispetto al 2017, anno contrassegnato da un eccezionale effetto climatico.

Il sondaggio Coop-Nomisma rileva che per il 2018 scendono in picchiata le parole dalla connotazione negativa che gli italiani associano all'anno appena iniziato; il timore crolla di quasi 6 punti percentuali (lo indicava come parola chiave nel 2017 oltre il 10% del campione, ora non arriva al 5%), sorte analoga per il termine crisi (-3 punti percentuali). Si affidano al cambiamento i più giovani e vedono decisamente rosa gli over 50. Credono nella ripresa maggiormente gli abitanti del Mezzogiorno. L'ottimismo tocca le intenzioni di spesa che tra il 2017 e il 2018 volgono tutte in segno positivo. Al top i soliti oggetti dei desideri: i viaggi (il 23,3% spenderà di più) e lo smartphone (il 64% prevede in crescita il budget destinato), ma ritornano voci evergreen degli italiani come l'arredamento, la ristrutturazione della casa e ancora investimenti per il tempo libero e la cura di sé (abbonamenti a teatro, stadio, pay tv fino al ricorso alla chirurgia estetica).

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Fox, raggiunto accordo con Disney per 38 dollari ad azione

L'acquisizione degli asset costerà alla multinazionale di Burbank un totale di 71,3 miliardi di dollari

Volkswagen e Ford: al via l'intesa per un'alleanza strategica

Firmato un memorandum tra le due grandi case automobilistiche: "Opportunità per essere più competitivi"

CAMBIO EURO-DOLLARO - EURO AI MASSIMI STORICI SUL DOLLARO

Allarme Ocse: "Partiti populisti possono frenare Pil eurozona"

L'italia è in coda ai partner della moneta unica per crescita nel biennio in corso

Camera dei Deputati - Voto di fiducia al governo Conte

Def, approvata risoluzione di maggioranza: stop aumento Iva e accise

Il ministro Tria alla Camera: "Essenziale l'impegno sul debito". E sull'Eurozona: "Serve profonda riforma, gravi inadeguatezze"