Lunedì 09 Novembre 2015 - 18:05

Borsa, Milano in forte rosso: giù banche e Atlantia,salva Saipem

IMG

Milano, 9 nov. (LaPresse/Finanza.com) - Piazza Affari ha chiuso in ribasso aumentando le perdite nel pomeriggio in scia all'andamento negativo di Wall Street e ad alcune incertezze emerse dalla Periferia europea. Il mercato, dopo i dati sull'occupazione statunitense pubblicati venerdì, scommette ormai sul rialzo dei tassi d'interesse da parte della Fed nella riunione di dicembre. I dati di venerdì hanno portato ad un rafforzamento del dollaro Usa e a una fase correttiva sul mercato obbligazionario. Nell'Eurozona l'Eurogruppo di oggi non sbloccherà la prima tranche da 2 miliardi di euro alla Grecia.

"Tanto lavoro è stato fatto, ma importanti obiettivi devono essere ancora raggiunti", ha dichiarato il presidente dell'Eurogruppo, Jeroen Dijsselbloem. Infine da segnalare il tonfo della Borsa portoghese in scia all'incertezza politica. In questo quadro a Piazza Affari l'indice Ftse Mib ha chiuso con un ribasso dell'1,87% a 22.107 punti. Tonfo di Atlantia (-4,45% a 24,03 euro) dopo lo stop alla cessione di quote di minoranza di Aeroporti di Roma (Adr). "Atlantia comunica di aver deciso di non proseguire, per il momento, nelle interlocuzioni in corso con primari investitori internazionali, pur avendo già ricevuto la disponibilità di acquisto ad un prezzo pienamente in linea con le aspettative della società", ha fatto sapere la società che controlla la rete autostradale italiana.

Le vendite hanno colpito i titoli del comparto bancario: Banco Popolare ha ceduto il 2,59% a 12,78 euro, Mps il 3,19% a 1,578 euro, Ubi Banca il 2,81% a 6,56 euro, Unicredit l'1,93% a 5,835 euro. Gli acquisti hanno invece premiato il settore oil, in particolare Saipem e Tenaris che hanno guadagnato rispettivamente lo 0,89% a 8,44 euro e l'1,11% a 11,78 euro. Tra gli energetici male invece Enel che ha lasciato sul parterre il 2,72% a 4,076 euro.

Fca (-1,64% a 13,16 euro) sotto i riflettori con l'opzione General Motors che rimane sul tavolo. Sul fronte aggregazioni Sergio Marchionne ha dichiarato che è "tutto da valutare nel tempo. Ogni anno di ritardo costa al sistema 2 miliardi. Valutiamo e non escludiamo niente, neanche scalate ostili". Il ceo di Fca ha confermato lo slittamento di alcuni mesi del lancio della nuova Alfa Giulia Quadrifoglio complici le ripercussioni del rallentamento del mercato cinese. Il buon andamento delle vendite del marchio Jeep dovrebbe invece portare a breve alla revisione al rialzo del target di vendite. Ancora debole Telecom Italia che ha chiuso la seduta con una flessione dell'1,37% a 1,149 euro.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Bayer, la Ue dà semaforo giallo all'acquisizione Monsanto

Bayer, la Ue dà semaforo giallo all'acquisizione Monsanto

L'operazione, da 57 mld di dollari, creerebbe la più grande azienda integrata al mondo di semi e pesticidi

Fca, Great Wall Motor conferma interesse per il brand Jeep

Great Wall Motor conferma interesse per Jeep. Fca: "Nessun approccio"

Il titolo è in netto rialzo a Piazza Affari dopo la notizia

Geely Automobile smentisce al momento piani di acquisizione Fca

Geely Automobile smentisce al momento piani di acquisizione Fca

La testata Automotive News aveva parlato dell'interesse di diversi produttori cinesi per Fiat Chrysler Automobiles

Istat, nel secondo trimestre il Pil cresce dello 0,4%: +1,5% annuo

Istat, nel secondo trimestre il Pil cresce dello 0,4%: +1,5% su anno

Era dal secondo trimestre del 2011 che il Pil non segnava una crescita così significativa. Genitloni: "Meglio delle pevisioni"