Venerdì 02 Giugno 2017 - 19:45

Borsa, Piazza Affari chiude debole: in luce Prysmian, bene Tim

Si ferma su un moderato rialzo dello 0,48% a 0,838 euro Telecom Italia,

Borsa, Piazza Affari chiude debole: in luce Prysmian, bene Tim

Dopo aver viaggiato sopra alla parità per buona parte della giornata, Piazza Affari si deprime insieme alle altre europee per i dati deludenti in arrivo dal mercato del lavoro statunitense e finisce a chiudere poco sotto la parità, col Ftse Mib che termina gli scambi in flessione di un frazionale 0,04% a quota 20.928 punti. Tra i titoli più in luce Prysmian, che sfrutta la promozione di Goldman Sachs da "hold" a "buy" andando a chiudere in progresso del 3,76% a 25,68 punti. Mentre si ferma su un moderato rialzo dello 0,48% a 0,838 euro Telecom Italia, dopo la nomina di Arnaud de Puyfontaine a presidente.

Nel settore bancario, discrete performance per Intesa Sanpaolo (+0,70% a 2,59 euro) e Unicredit (+0,19% a 15,49 euro), mentre Banco Bpm (+0,07% a 2,86 euro) chiude solo in lieve rialzo. Finiscono in rosso invece Ubi (-0,83% a 3,36 euro) e Bper (-1,26% a 4,40 euro). Soffrono infine i titoli del settore petrolifero, dopo l'annuncio di uscita degli Stati Uniti dall'accordo sul clima di Parigi: una presa di posizione che potrebbe innescare una maggiore produzione di greggio negli Usa, con riflessi sull'eccesso globale di offerta. Per Eni la perdita è dell'1,47% a 14,05 euro, mentre Saipem lascia sul campo lo 0,45% a 3,57 euro e Tenaris flette dello 0,37% a 13,56 euro.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Borsa, ancora segno più per Piazza Affari, scende lo spread

Apertura positiva dopo il balzo del 3,42% di ieri

Borsa, Milano brilla dopo le parole di Tria: exploit Unicredit e Intesa

Il ministro dell'Economia assicura che l'Italia non uscirà dall'euro e l'indice Ftse Mib chiude a +3,42%

L'Economia del Corriere compie un anno: evento L’Italia genera futuro alla Borsa di Milano

Borsa, spread in calo: sotto i 250 punti. Milano accelera

Le banche scattano in avvio: +2% per Banco Bpm e Bper