Venerdì 08 Settembre 2017 - 11:30

Bossi, messaggio a Salvini: "La mia Lega con la canottiera"

Intervista del presidente della Lega a TgCom24 in onda a "Fatti e misfatti" e a "Checkpoint". "Per le elezioni faremo l'accordo con Berlusconi. Gli devo tanto"

Umberto Bossi interviene alla 28esima edizione della Berghem Fest ad Alzano Lombardo

"Si troverà l'accordo con Berlusconi, a lui devo molto" queste le parole di Umberto Bossi rilasciate a Tgcom24 nell'intervista in onda a "Fatti e misfatti" alle 13.30 e a "Checkpoint" alle 20.30. Il presidente della Lega Nord ha poi spiegato: "Quando ho fatto il federalismo fiscale, Berlusconi ci ha dato i voti, e ce ne ha dati così tanti che Napolitano poi ha mandato via sia lui che noi, perché era per uno stato centralista, che però è fallito l'anno scorso con 100mila aziende che hanno chiuso".

Un'intervista piena di messaggi a Matteo Salvini che ha già aperto il contenzioso con il Cavaliere sulla leadership del centrodestra: "Tutta l'Italia sa da dove viene la Lega: sarebbe una scelta inutile e non accettata quella di togliere la parola "Nord" dal nostro simbolo. Si può allargare il consenso nazionale senza modificare il simbolo". Alla domanda su come è cambiata la Lega, il presidente ha risposto: "All'inizio la gente era motivata, forte e convinta delle battaglie, adesso un po' meno. Però la canottiera c'è sempre: la mia Lega è sempre in canottiera".

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Quirinale, Consultazioni

Salvini: "Pace fiscale e autonomia le priorità". E insiste su Savona al Mef

Una persona che vuole ridiscutere le regole europee "è un vanto per l'Italia, non un disvalore"

Quirinale, terzo giro di consultazioni per la formazione del nuovo governo

Berlusconi attacca: "FI non sosterrà il governo, incompatibili con M5S"

Il leader forzista si scaglia contro "l'ideologia pauperista e giustizialista dei grillini"

Giuseppe Conte arriva alla Camera per le consultazioni

Conte incontra i partiti. Colle: "Problema non sono veti, ma diktat a Mattarella e premier incaricato"

Salvini e Di Maio blindano Savona. Irritazione del Quirinale: "Non si limiti autonomia del presidente del Consiglio"

Giuseppe Conte al Quirinale per l'incarico

Il governo di Conte parte con lo scetticismo degli industriali

Nulla di quanto è stato paventato dal neo premier è in linea con i desiderata di Confindustria, nemmeno Tav e Tap, eppure Di Maio e Salvini non sembrano preoccuparsi