Domenica 22 Luglio 2018 - 12:15

Brescia, 12enne scomparsa, ricerche a vuoto: è corsa contro il tempo

Giovedì era in gita nell'altopiano di Cariadeghe con altri ragazzi quando si sono perse le sue tracce

Brescia, proseguono le ricerche della dodicenne dispersa nel bosco

È una corsa contro il tempo in Valle Sabbia per trovare Iuschra, 12 anni, scomparsa giovedì nei boschi bresciani. Domenica è il quarto giorno di ricerche. Sono già tre le notti che la ragazzina, di origini pachistane e affetta da autismo, passa fuori casa. Da sola, al freddo e sotto la pioggia, vestita con gli stessi abiti leggeri indossati per quella che doveva essere un'allegra gita in montagna con altri coetanei disabili e gli operatori della onlus Fobap, ma da cui la minore non ha fatto ritorno.

I genitori, disperati, chiedono di non spegnere la speranza e di continuare a cercare. L'unica buona notizia è il sole che è tornato a splendere e a riscaldare il monte di San Bartolomeo. Le temperature sono più miti e i soccorritori lasciano bottigliette d'acqua e cibo tra la vegetazione con l'auspicio che la giovanissima li trovi sul suo cammino. Le ricerche, a cui partecipano circa 300 professionisti tra vigili del fuoco, speleologi e carabinieri, si concentrano in un'area di 130 ettari. Difficile che la ragazzina abbia percorso più di quella strada da sola. Sabato i cani molecolari hanno fiutato tracce della 12enne poco distante da dove verso l'ora di pranzo di giovedì si sarebbe allontanata correndo via dal gruppo di disabili.

Loading the player...

Iuschra, spiega la famiglia, tende a nascondersi dagli sconosciuti, motivo per cui i soccorritori cercando di attrarla con 'trappole' sonore. In questi giorni sono stati impiegati anche gli elicotteri e i droni che rilevano il calore della presenza umana. Gli speleologi stanno passando al setaccio una per una le grotte e cavità carsiche della zona in cui la piccola, impaurita, potrebbe essersi rifugiata o, nella peggiore delle ipotesi, caduta. L'altopiano di Brescia è disseminato di buche profonde anche quaranta metri, e non tutte sono censite. Dai paesi limitrofi non è giunta nessuna segnalazione.

Nulla è escluso per la procura di Brescia che ha aperto un fascicolo. L'indagine è stata affidata al procuratore Donato Greco e l'educatrice che seguiva la ragazzina rischia la denuncia per abbandono di minore, con l'aggravante della disabilità. L'ultimo ad averla vista è un uomo sulla sessantina, residente del posto, che ha incrociato la minore mentre si trovava in compagnia del suo cane. Alle 12 di domenica il prefetto della città, Annunziato Vardé, ha tenuto un incontro urgente per fare il punto sull'organizzazione logistica. Tre i posti di blocco all'accesso del centro operativo in Cariadeghe da cui partono le squadre dei soccorsi, all'altezza del rifugio dei Fanti, del ristorante Valpiana e del rifugio Alpini. In tantissimi da tutta la Lombardia hanno espresso la volontà di dare una mano. Anche domenica il sindaco di Serle, Paolo Bonvicini, invita "i liberi cittadini a non salire a Serle per effettuare le ricerche" per non intralciare il lavoro degli esperti. 

Scritto da 
  • Ester Castano
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Mamma no vax falsifica documenti sui vaccini: si vanta su Fb, denunciata

Nella conversazione spiega compiaciuta il 'trucchetto' con cui ha ingannato l'asilo di Esine (Brescia)

Sub muore nel lago di Como, grave il compagno d'immersione

La vittima ha 47 anni. Il secondo sommozzatore, anch'egli 47enne, è ricoverato al Niguarda

Lombardia, contraccettivi gratis per gli under 24 nei consultori

L'ordine del giorno mira a sostenere la prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili e la procreazione responsabile

Brescia, bimba dodicenne autistica dispersa nei boschi di Serle

Brescia, nessuna traccia di Iushra: ultimo giorno di ricerche nei boschi

La 12enne autistica scomparsa nove giorni fa sull'altopiano di Cariadeghe. Un testimone ha raccontato di aver notato una ragazzina su una panchina, la stessa immagine vista da una sensitiva di Padova