Martedì 05 Dicembre 2017 - 14:00

Bruxelles, 17 paradisi fiscali nella 'blacklist' Ecofin

La lista potrebbe modificarsi nel tempo, ha dichiarato il vice presidente della Commissione europea, Valdis Dombrovskis

European Commission Vice-President Dombrovskis addresses the European Parliament in Strasbourg

Sono 17 i Paesi extra-Ue inclusi nella "lista nera" dei paradisi fiscali adottata oggi dai ministri delle Finanze riuniti all'Ecofin. Arrivando a Bruxelles questa mattina, il vice presidente della Commissione europea, Valdis Dombrovskis, ha segnalato ai cronisti che la lista potrebbe modificarsi nel tempo, dal momento che verrà compiuto un costante lavoro di monitoraggio sugli impegni presi dai Paesi e su quanto questi impegni verranno rispettati.

Nella riunione dell'Ecofin di oggi viene presentato il semestre europeo 2018 e si discute in merito all'abrogazione della procedura nei confronti del Regno Unito per deficit eccessivo e a quella per "deviazione significativa" rispetto al percorso di aggiustamento verso l'obiettivo di bilancio a medio termine che potrebbe riguardare la Romania. Ma particolare spazio è stato dato ai temi fiscali. In agenda figurano infatti anche anche la discussione di un accordo sull'Iva per l'e-commerce e la preparazione delle conclusioni del Consiglio sulla tassazione digitale. Lo ha annunciato, al suo arrivo, il vicepresidente della Commissione europea, Valdis Dombrovskis. "Speriamo che questo fornisca un input per le decisioni dell'Ocse, in modo da portare questo livello su un piano globale, dal momento che per assicurare un effettiva tassazione dell'economia digitale è meglio che si operi su quel livello", ha spiegato il politico lettone rispetto all'ultimo punto. Rispondendo alla domanda di un cronista, Dombrovskis ha poi aggiunto che verrà discussa anche la riforma fiscale appena votata negli Stati Uniti. "Va detto che questo è un processo legislativo ancora in corso negli Usa", ha specificato,l spiegando che i ministri delle Finanze discuteranno di quanto le misure statunitensi siano in linea con le disposizioni dell'Organizzazione mondiale del commercio.

Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Aumenta la paura per i continui attacchi di Boko Haram in tutta la regione del lago CiadMSF ha integrato il supporto psicologico alle attività mediche

Nigeria, 111 le studentesse scomparse dopo l'attacco di Boko Haram

L'episodio ricorda il rapimento delle oltre 270 ragazze avvenuto a Chibok nel 2014

Messico, i giorni dopo il terremoto

Messico, tre italiani scomparsi: inchiesta su poliziotti Tecalitlan

Si tratta di un sessantenne, di suo figlio di 25 anni e di suo nipote di 29 anni: i parenti non hanno loro notizie dal 31 gennaio

Prima del film Suburbicon a Los Angeles

Clooney donano 500mila dollari per la manifestazione contro le armi

L'attore e la moglie aiutano a finanziare il corteo del 24 marzo a Washington, organizzato dopo la sparatoria nel college in Florida in cui sono morte 17 persone

Trump parla alla Nazione dopo la sparatoria in Florida

La Cnn contro Trump: "Golf e Twitter durante funerali in Florida"

Il duro editoriale dell'anchorman Anderson Cooper: "Due famiglie hanno seppellito i loro figli. Nessuna menzione nei suoi tweet"