Mercoledì 06 Settembre 2017 - 07:45

Buffon: "Fischi? In Italia il possesso palla non è gradito"

"Se lo fa la Spagna tutto lo stadio applaude", commenta il capitano dopo la vittoria su Israele

 Buffon: "Fischi? In Italia il possesso palla non è gradito"

"Fa parte della nostra filosofia, il possesso palla in Italia non è gradito c'è poco da fare. Se lo fa la Spagna tutto lo stadio applaude, in Italia non c'è questo tipo di apprezzamento...". Gigi Buffon motiva così i fischi ricevuti dalla nazionale italiana durante la gara di qualificazione al Mondiale in Russia 2018 vinta 1-0 dagli azzurri contro Israele. "Abbiamo dovuto cercare a volte di forzare la giocata per venire incontro ai gusti del pubblico - ha proseguito il capitano della nazionale ai microfoni Rai - Abbiamo fatto una buona gara, abbiamo creato tanto e rischiato qualcosa ma ci stava. Il 4-2-4 la scelta giusta? Non è un problema mio ma del mister che ha l'esperienza come è giusto che sia e deve fare quello che si sente a seconda di quello che diamo noi giocatori. Noi lo seguiamo con fiducia", ha concluso il portiere della Juventus.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Giro d’Italia U23: a Rubio la quinta tappa. Williams indossa la maglia rosa

Il colombiano chiude davanti al nuovo leader della generale e al kazako Natarov. Lontani gli italiani: Caiati, il migliore, è sedicesimo. Mercoledì la sesta giornata su LaPresse dalle 17:00

ENG, UEFA CL, Manchester City vs FC Liverpool

Da Guardiola 150mila euro per riparare la nave di Proactiva Open Arms

Un gesto importante per sostenere la ong catalana che si occupa di primo soccorso e salvataggi in mare

Calcio a 5, finali scudetto: l'Acqua&Sapone è campione d'Italia

Per gli abruzzesi è il primo tricolore. Battuta, dopo cinque partite e una serie intensissima, la Luparense detentrice del titolo. Sesto scudetto per Edgar Bertoni, che raggiunge Humberto Honorio, capitano dei veneti

Astori, secondo la nuova perizia il giocatore non è morto nel sonno, è stata 'tachiaritmia'

Forse il capitano della Fiorentina si sarebbe salvato se avesse condiviso la camera con qualcuno che poteva dare l'allarme