Domenica 22 Gennaio 2017 - 12:00

Bus in fiamme su A4, 16 morti: polizia ungherese apre indagini

Si stanno concentrando sulla verifica delle condizioni tecniche del bus al momento della partenza

Verona, bus ungherese prende fuoco su A4, i resti del mezzo

La polizia ungherese ha aperto un'indagine sulle cause dell'incidente del bus ungherese che ieri ha preso fuoco dopo essersi schiantato contro un pilone dell'autostrada A4 a Verona e in cui sono morti 16 studenti. Lo rendono noto i media ungheresi citando fonti di polizia. Sul posto intanto sono arrivati questa mattina tre esperti della polizia ungherese che indagano in modo parallelo agli inquirenti italiani.

Le indagini ungheresi, secondo quanto precisato dalla polizia di Budapest, si stanno concentrando sulla verifica delle condizioni tecniche del bus al momento della partenza dall'Ungheria, dato che tra le possibili cause dell'incidente è stato inserito il guasto meccanico.
Gli inquirenti ungheresi hanno sequestrato nella sede del noleggiatore Pizolit Bus srl la documentazione riguardante il mezzo e stanno interrogando testimoni per controllare la salute dell'autista.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Roma, tegola si stacca dal tetto del liceo Virgilio: ferita studentessa

La ragazza portata in ospedale con un taglio in testa. A ottobre scorso un altro crollo

Il Papa in Cile, la visita a Santiago

Cile, Papa condanna frange estremiste nativi: "No riconoscimento a prezzo vite"

Continua il viaggio di papa Francesco in Cile. Il pontefice ha celebrato la santa messa davanti alle rappresentanze delle popolazioni indigene originarie dell'Araucanìa

Asilo nido di pinerolo "nel paese delle meraviglie" chiuso dai carabinieri per maltrattamenti sui bimbi

Bimbi picchiati e offesi: 5 anni ai gestori del 'nido degli orrori' di Roma

Condannati i due fratelli accusati di maltrattamenti sui piccoli di età compresa tra i cinque mesi e i tre anni

Shopping e pranzi in orario di lavoro: 12 furbetti del cartellino sotto indagine

Cento ore al mese retribuite e mai lavorate dagli impiegati dell'Agenzia delle Dogane