Domenica 22 Gennaio 2017 - 12:00

Bus in fiamme su A4, 16 morti: polizia ungherese apre indagini

Si stanno concentrando sulla verifica delle condizioni tecniche del bus al momento della partenza

Verona, bus ungherese prende fuoco su A4, i resti del mezzo

La polizia ungherese ha aperto un'indagine sulle cause dell'incidente del bus ungherese che ieri ha preso fuoco dopo essersi schiantato contro un pilone dell'autostrada A4 a Verona e in cui sono morti 16 studenti. Lo rendono noto i media ungheresi citando fonti di polizia. Sul posto intanto sono arrivati questa mattina tre esperti della polizia ungherese che indagano in modo parallelo agli inquirenti italiani.

Le indagini ungheresi, secondo quanto precisato dalla polizia di Budapest, si stanno concentrando sulla verifica delle condizioni tecniche del bus al momento della partenza dall'Ungheria, dato che tra le possibili cause dell'incidente è stato inserito il guasto meccanico.
Gli inquirenti ungheresi hanno sequestrato nella sede del noleggiatore Pizolit Bus srl la documentazione riguardante il mezzo e stanno interrogando testimoni per controllare la salute dell'autista.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Egitto, Papa: Attacco barbaro frutto di odio insensato

Egitto, Papa: Attacco barbaro frutto di odio insensato

Il pontefice interviene sull'attentato contro un autobus di cristiano copti

G7, 'tedeschi cattivi': giallo su parole Trump, poi il chiarimento

G7, 'tedeschi cattivi': giallo su parole Trump, poi il chiarimento

L'aggettivo 'bad' sarebbe stato riferito al surplus commerciale e non ai tedeschi

G7 Summit Taormina, primo roundtable di lavoro

G7 a Taormina, Trump pronto ad ascoltare leader Ue sul clima. Verso intesa su migranti

Al centro del vertice anche commercio e terrorismo. La città è blindata per la due giorni dei 'Grandi' / FOTO-VIDEO

G7, a Taormina è Trump mania: pronto anche braccialetto in macramè

G7, a Taormina è Trump mania: pronto anche braccialetto in macramè

Il presidente Usa è stato il leader più acclamato oggi