Domenica 10 Settembre 2017 - 19:45

Calcio, poker Fiorentina al Verona. Sorridono Atalanta e Udinese

La terza giornata di Serie A

Hellas Verona - Fiorentina

Primo successo in campionato della Fiorentina che travolge 5-0 l'Hellas Verona al 'Bentegodi'. Tutto facile per i ragazzi di Pioli, che ipotecano la vittoria in meno di mezz'ora. Al 2' infatti Simeone porta avanti i viola con un tap-in facile facile dopo la corta respinta di Nicolas sul diagonale di Benassi. Il portiere degli scaligeri fa anche peggio se possibile al 9', con una sciagurata uscita su Chiesa, travolto in area. Dal dischetto Thereau non sbaglia e firma il 2-0. Gli ospiti sono padroni del campo e al 24', sugli sviluppi di un calcio d'angolo, Astori con un tiro d'esterno sinistro è libero di siglare il tris. Nella ripresa c'è gloria anche per Veretout, che al 17' con una punizione magistrale firma il poker, prima del 5-0 definitivo al 45' di Gil Dias, che batte Nicolas su invito di Gaspar.

 

Si sblocca anche l'Udinese, che dopo due sconfitte rimediate nelle prime due uscite trova il primo sorriso contro il Genoa. Alla 'Dacia Arena' finisce 1-0. Decisivo il gol di Jankto al 15' con un tapin vincente dopo il palo colpito da Behrami sul cross di Lasagna. Il 'Grifone' prova a riorganizzarsi ma poco dopo la mezz'ora perde la sua prima punta, Lapadula, costretto a uscire per una botta in testa. La situazione per gli ospiti peggiora ulteriormente al 36', quando Bertolacci viene espulso per una entrataccia su Lasagna. Su punizione poi Perin salva i suoi respingendo la conclusione di De Paul. Nella ripresa, complice anche la superiorità numerica, l'Udinese gestisce il vantaggio abbastanza agevolmente, ma al 33' anche i friulani rimangono in dieci per il rosso a Pezzella, autore di un brutto fallo su Omeonga. Il Genoa però nel finale non riesce a rendersi pericoloso ed è costretto ad arrendersi.

Primi tre punti anche per il Cagliari che bagna nel migliore dei modi il battesimo della 'Sardegna Arena', il nuovo impianto dei rossoblù, battendo 1-0 un Crotone ancora alla ricerca del primo gol in questo campionato. I pitagorici partono bene e creano la prima opportunità all'8' con un tiro di Rohden disinnescato da Cragno. Con il passare dei minuti però i padroni di casa prendono in mano il pallino del gioco e, dopo una chance sprecata da Pavoletti, passano in vantaggio al 33' con Sau, che scatta sul filo del fuorigioco sull'assist di Joao Pedro e non sbaglia davanti a Cordaz. Nella ripresa l'undici di Nicola fatica a creare vere e proprie palle gol, anzi è il Cagliari a sfiorare il bis con una conclusione di Joao Pedro che non va lontana dall'incrocio dei pali.

 

Successo casalingo e prima vittoria anche per l'Atalanta, che si avvicina nel migliore dei modi alla sfida di Europa League contro l'Everton superando 2-1 in rimonta il Sassuolo. Sensi illude gli emiliani sbloccando il risultato al 27' in contropiede sul cross di Lirola. Immediata la replica degli orobici, che al 35' pareggiano i conti con un sinistro al volo di Cornelius, preferito da Gasperini a Petagna in attacco e supportato da Gomez e Ilicic. Nella ripresa però proprio Petagna, entrato dalla panchina, segna il gol vittoria in maniera un po' casuale mandando in rete la sfera sul cross insidioso di Gomez dalla tre quarti. Nel finale Berisha salva i suoi respingendo prima il tentativo di Ragusa e poi, nel recupero, quello di Acerbi.
 

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Inter - Roma

Dzeko verso il Chelsea tra dubbi e ripensamenti. Inter Rafinha è ufficiale

Continua la trattativa della Roma con i "Blues": sembra vicina l'intesa sul prezzo, ma il giocatore non sarebbe del tutto sicuro

Diritti tv, fumata nera in Lega. Tavecchio: "Obiettivo base d'asta"

Tutte le offerte erano al di sotto della soglia di un miliardo e 50 milioni di euro a stagione. Venerdì una nuova assemblea

FIGC, Consiglio federale a Roma

Figc, un ticket con Gravina? Tommasi non lo esclude

Grandi manovre verso il voto del 29. Tutti cercano di evitare elezioni con tre candidati. Nicchi (arbitri): "In quel caso, non voteremmo"