Mercoledì 24 Maggio 2017 - 09:15

Camorra, infiltrazioni clan Polverino: 5 misure cautelari

Documentato il patto tra il clan camorristico e i fratelli imprenditori Aniello e Raffaele Cesaro di S.Antimo

Camorra, infiltrazioni clan Polverino: cinque misure cautelari

Dalle prime ore di questa mattina, i carabinieri del ROS stanno eseguendo un provvedimento cautelare, emesso dalla procura distrettuale antimafia di Napoli, nei confronti di 5 persone indagate per concorso esterno in associazione mafiosa, riciclaggio, minaccia e  falsita' materiale e ideologica commessa da pubblico ufficiale, reati aggravati dalle finalità mafiose.

Al centro delle indagini del ROS le infiltrazioni del clan "Polverino", egemone nell'area nord occidentale di Napoli, nella realizzazione del "piano di insediamento produttivo" del comune di Marano (Na), importante infrastruttura per il rilancio dell'economia locale che prevede lavori per 40 milioni di euro.

Documentato - a quanto si apprende dagli investigatori - il patto tra il clan camorristico e i fratelli imprenditori Aniello e Raffaele Cesaro di S.Antimo (Na), funzionale all'aggiudicazione dell'appalto attraverso  intimidazioni mafiose e  reimpiego delle ingenti risorse economiche provenienti dai traffici illeciti del clan. Contestualmente i carabinieri stanno eseguendo un decreto di sequestro di beni immobili, partecipazioni societarie e rapporti finanziari per un valore di 70 milioni di euro.

 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Milano, temperature vicine allo zero, persone infreddolite a porta Nuova

Nebbia e gelo: il meteo del 17 e del 18 dicembre

Continuano a scendere le temperature in questo nuovo inizio di settimana

REALI DI SAVOIA

Vittorio Emanuele III in Italia, la comunità ebraica contro il rientro: "Fatto inquietante"

La salma, partita da Alessandra d'Egitto durante la notte, è arrivata al santuario di Vicoforte

REALI DI SAVOIA

Savoia, la salma della regina Elena torna in Italia

Le spoglie sono ora al Santuario di Vicoforte e presto potrebbero arrivare anche quelle del marito, re Vittorio Emanuele III

Da operaio a rubagalline fino a diventare un killer: ecco chi è 'Igor'

L'ex soldato è arrivato in Italia nel 2005, prima lavora poi inizia a delinquere