Martedì 18 Aprile 2017 - 09:00

Camorra, traffico di droga dalla Spagna: 30 misure cautelari

Coinvolti diversi elementi di spicco del clan 'Orlando'

Camorra, traffico di droga dalla Spagna: 30 misure cautelari

Maxi operazione anti-camorra nel napoletano. I carabinieri di Castello di Cisterna hanno eseguito 30 misure cautelari a carico di elementi di spicco del clan 'Orlando' per traffico di droga dalla Spagna. Tra Marano, Calvizzano e Quarto, i carabinieri hanno dato esecuzione ai provvedimenti del gip di Napoli basati sulle accuse di associazione a delinquere di tipo mafioso e di estorsione aggravata dal metodo mafioso, traffico di stupefacenti e detenzione di armi da guerra.

Nel corso delle indagini i carabinieri hanno ricostruito la struttura del clan 'Orlando', capeggiato da un latitante, e dimostrato la provenienza dei profitti del sodalizio: estorsioni a imprenditori e controllo diretto di attività commerciali ma, soprattutto, importazione dalla Spagna di ingenti quantità di hashish che venivano redistribuite sulle piazze di spaccio di Marano, Calvizzano e Quarto, con i 'gestori' che pagavano il pizzo al clan. Documentate anche attività di condizionamento nel tessuto politico locale per le quali il 30 dicembre scorso era stato sciolto il comune di Marano per infiltrazioni camorristiche.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Bari, conferenza dopo operazione antiterrorismo

Camorra, arrestate le donne del clan: sorella e cognate del boss Zagaria

Da quando gli uomini sono in carcere, sono loro a guidare il crimine organizzato

Il Presidente della Repubblica in visita a Caserta

Reggia Caserta: crolla intonaco del '700 nella 'stanza delle dame'

L'i9ncidente avvenuto nella notte: nessun ferito. Percorso modificato per i visitatori

Napoli, duro colpo al clan Lo Russo: 43 persone arrestate

Blitz contro il traffico di droga. Sequestrato anche l'arsenale del gruppo criminale

Scampia, gli ultimi giorni delle Vele tra degrado, amianto e speranza

Una storia tormentata: un progetto di architettura sociale fallito per tanti motivi. La malavita, lo sgombero e, ora, le occupazioni abusive. Il rischio ambientale e il progetto per abbatterle. Una (su sette) resterà in piedi per ospitare l'Università