Lunedì 05 Giugno 2017 - 14:15

Campane a festa dopo ko Juve: cappellano del Toro si scusa

"La bravata è frutto di un mio collaboratore, che ha agito a mia insaputa", ha dichiarato don Robella

Campane a festa dopo ko Juve: cappellano del Toro si scusa

La Juve perde la finale di Champions League contro il Real Madrid e a Nichelino, nei pressi di Torino, risuonano le campane a festa. E' accaduto sabato sera dopo la partita persa dai bianconeri a Cardiff alla chiesa della Santissima Trinità di cui è parroco don Riccardo Robella, noto per essere anche il cappellano del Torino. E' stato proprio il sacerdote a rendere noto la vicenda con un chiarimento su Facebook, dopo una serie di commenti alcuni positivi e altri meno sulla sua pagina ufficiale. "La bravata è frutto di un mio collaboratore, il quale ha agito a mia insaputa", ha scritto don Robella. "Mai e poi mai mi sarei permesso un gesto simile, come mi pare sia successo in tutti questi anni che sono con voi. Mi scuso per il suo atteggiamento irresponsabile, e ne prendo assolutamente le distanze", ha concluso il sacerdote.

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

International Champions Cup, ManUnited batte Real ai rigori

International Champions Cup, ManUnited batte Real ai rigori

Dopo l'1-1 dei tempi regolamentari, ben quattro errori dal dischetto per i Blancos

Confederations Cup, poker da finale per Germania e Messico ko

Confederations Cup, poker da finale per Germania e il Messico va ko

I tedeschi di Joachim Loew domenica per il titolo con il Cile. 'Finalina' messicani contro il Portogallo

Confederations, Ronaldo conferma nascita dei gemelli: salta finale 3° posto

Confederations, Ronaldo conferma nascita dei gemelli: salta finale 3° posto

Ha annunciato che andrà a trovarli per la prima volta dopo aver ricevuto l'ok dalla federazione portoghese

La Champions torna su Sky dal 2018: battuta Mediaset

La Champions torna su Sky dal 2018: battuta Mediaset

Il network di Murdoch avrebbe messo sul piatto più di 200 milioni di euro a stagione