Domenica 05 Febbraio 2017 - 09:45

Roma, Marra pronto a parlare inguaiando Raggi su nomine

Secondo Repubblica, l'ex fedelissimo avrebbe prove che la sindaca sapeva

Campidoglio, Marra pronto a parlare e inguaiare Raggi sulle nomine

Raffaele Marra, il dirigente del Comune di Roma (ex) fedelissimo di Virginia Raggi arrestato con l'accusa corruzione, sarebbe pronto a parlare sul caso nomine e sulle manovre del M5S in Campidoglio. Lo rivela la Repubblica, che spiega che presto l'ex capo del personale sarà sentito dai pm dopo che Raggi, nelle sue otto ore di interrogatorio, lo ha scaricato "sostenendo di essere stata tradita nella fiducia, indotta al falso, mentre lui abusava in solitudine del potere di orientare la nomina del fratello, Renato Marra, garantendogli quel vantaggio patrimoniale (20mila euro di aumento di stipendio annuo) di cui lei sarebbe stata ignara". La circostanza è infatti dirimente per poter configurare o meno il reato di abuso di ufficio. Il tenore e la frequenza delle comunicazioni tra Raggi e Romeo nel periodo della richiesta di manifestazione di interesse per la procedura di selezione e rotazione dei dirigenti capitolini, che portò alla promozione di Renato Marra, dimostrerebbero documentalmente, secondo Repubblica, che Raggi non solo sapeva delle mosse di Raffaele sul conto del fratello Renato, ma che queste mosse erano "condivise". Marra sarebbe pronto a documentare le ripetute riunioni a cui partecipò per la definizione di quelle nomine, il ruolo della Raggi e di quanti ne furono spettatori e il manuale Cencelli e le liste di proscrizione usato dai Cinque Stelle in Campidoglio.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Roma, drivers al lavoro nella consegna dei cibi

Lavoro, è scontro Di Maio-Foodora. Il ministro: "Non si accettano ricatti"

Gianluca Cocco, ad dell'azienda in Italia, aveva dichiarato al Corriere della Sera, che le norme sui riders a cui sta lavorando il nuovo governo potrebbero spingere le piattaforme a lasciare il Paese

La nave Diciotti della guardia costiera italiana al porto di Catania con 932 migranti

Migranti, è scontro Salvini-Ong Lifeline: "I fascisti ci fanno promozione". Lui: "Voi mai più in Italia"

Il botta e risposta dopo l'annuncio del ministro su Facebook: "Altre due navi in arrivo, non sbarcheranno da noi". Aquarius domenica a Valencia, alcuni di loro accolti anche in Francia

Stadio della Roma, interrogatori e prime ammissioni: cresce numero indagati

Lanzalone, l'avvocato ex presidente di Acea, ha respinto ogni accusa. Per la procura: avrebbe aiutato Parnasi facendo gli interessi suoi anziché quelli del Comune

Presentazione del progetto del nuovo stadio della Roma

Stadio della Roma, il suo futuro è appeso a un filo: un iter lungo sei anni

La bufera giudiziaria che ha travolto il progetto da un miliardo mette a rischio la realizzazione dell'impianto