Lunedì 02 Gennaio 2017 - 08:30

Camusso : Su voucher non si tratta, governo ascolti Mattarella

"Quello del Presidente è stato un discorso inequivocabile, preciso, sul valore centrale del lavoro nella vita comunitaria"

 Camusso: Governo ascolti Mattarella, sui voucher non trattiamo

"Dopo le del presidente Mattarella l'agenda della politica dovrebbe davvero cambiare. Quello del Presidente è stato un discorso inequivocabile, preciso, sul valore centrale del lavoro nella vita comunitaria; sui giovani e il lavoro". Così Susanna Camusso, segretaria generale della Cgil, in un'intervista a Repubblica. Per Camusso bisogna "ragionare sull'aumento delle risorse da destinare agli investimenti guardando agli effetti che possono determinare sull'occupazione nonché sulla qualità del lavoro". Una strada diversa, "incompatibile con quella che sostiene i voucher".

E avvisa: "Se si parla di modifiche vuole dire che non si è ancora capito cosa sta accadendo. Non si tratta di modificare alcune regole, si tratta di farle scomparire perché non solo offendono, come quelle sui voucher, la dignità delle persone, ma creano un precariato ancora più insopportabile di quello che si doveva eliminare". Per Camusso bisogna invece usare, in alternativa, "tutte le forme di part time già previste; con il lavoro interinale o a somministrazione. Tutte forme contrattuali che esistono da vent'anni a questa parte". Nessun margine di trattativa: "Su questo istituto no. Dobbiamo ricomporre le caratteristiche di un rapporto di lavoro perché il lavoro non è merce che si prende sullo scaffale".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Melendugno, protesta anti-Tap

Gasdotto Tap, inammissibile l'emendamento per arrestare chi entra nei cantieri

Lo stop in commissione Bilancio. Il M5S: "Era l'ennesimo abuso della politica che calpesta le comunità per favorire le lobby"

Vittorio Emanuele III, l'arrivo delle spoglie al santuario di Vicoforte

Vittorio Emanuele III, storia di un re indeciso: dal fascismo alle leggi razziali

Regnò sul nostro Paese per 40 anni. All'inizio fu liberale e aperto. Ma nel 1922 aprì le porte a Mussolini e, poi alla dittatura e alle sue nefandezze. Le sue spoglie a Vicoforte per motivi umanitari

Assemblea Dems

Centrosinistra, Orlando richiama a unità, ma critica nome Grasso in Leu

Il candidato premier di Liberi e Uguali a distanza promette un "programma di cambiamento"

Ginocchiata all'arbitro: il Millennial scelto da Renzi lascia la direzione Pd

Gianluca Vichi si scusa ma critica la stampa: "Accanimento eccessivo nei miei confronti"