Giovedì 12 Aprile 2018 - 12:30

Cannes 2018, questa volta l'Italia c'è: Garrone e Rohrwacher in concorso

Il nuovo film di Valeria Golino, "Euphoria", sarà presentato Fuori Concorso

Giffoni Film Festival 2016

Dopo la débâcle dello scorso anno, quando nessuno dei nostri film era stato scelto, l'Italia si riscatta a Cannes. Alla Palma d'Oro concorreranno due film italiani: Lazzaro Felice di Alice Rohrwacher, con la sorella Alba e Nicoletta Braschi, e Dogman di Matteo Garrone, con Marcello Fonte ed Edoardo Pesce.

Anche fuori concorso, nella sezione Un Certain Regard, non mancherà un importante rappresentante. Si tratta di Euphoria, il dramma di Valeria Golino (che torna alla regia a cinque anni da Miele), con Riccardo Scamarcio e Valerio Mastandrea.

Ecco la lista completa dei film che saranno proiettati in anteprima al più importante festival cinematografico al mondo. Tra questi, BlacKkKlansman, il film di Spike Lee sul Ku Klux Klan, Le Livre d'Image di Jean-Luc Godard e i nuovi lavori di due registi che avranno difficoltà a sfilare sulla croisette. Il primo è l'iraniano Jafar Panahi (vinse l'Orso d'oro nel 2015 per Taxi Teheran) che ha il divieto di lasciare il Paese: il direttore del Festival di Cannes, Thierry Fremaux, ha pregato l'Iran di lasciarlo partecipare alla manifestazione e le autorità francesi stanno sostenendo la loro richiesta a Teheran per permettere al regista dissidente di essere presente alla proiezione di Three Faces. Il secondo regista è invece il russo Kirill Serebrennikov, selezionato per il suo film Leto: direttore artistico del Gogol Center, teatro contemporaneo di Mosca, è accusato di appropriazione indebita di fondi pubblici, che ha denunciato come "assurda", ed è agli arresti domiciliari.

In un anno in cui l'industria cinematografica è stata dominata dallo scandalo Weinstein e dal movimento #MeToo, solo tre le registe donne in gara: oltra ad Alice Rohrwacher, la libanese Nadine Labaki con Capernaum e la francese Eva Husson con Girls of the Sun. C'è da dire, però, che la giuria che assegnerà la Palma d'oro sarà guidata dall'attrice australiana Cate Blanchett. Da segnalare, tra le proiezioni speciali, il documentario Pope Francis: A Man of His Word di Wim Wenders, e un grande assente, Netflix. Il colosso dello streaming ha annunciato la sua assenza, in polemica con la regola della kermesse che i film debbano uscire in sala, facendo venir meno quattro film che si diceva potessero competere per la Palma d'oro, incluso l'atteso Norway di Paul Greengrass sul massacro di Utoya del 2010. Tra impegno e veleni, non mancheranno comunque le star: sul red carpet sono attesi Penelope Cruz e Xavier Bardem, protagonisti di Todos lo saben di Asghar Farhadi, e Marion Cotillard e Andrew Garfield per Angel face di Vanessa Filho, presentato nella sezione Un Certain Regard.

Loading the player...

Concorso
TODOS LO SABEN (EVERYBODY KNOWS) di Asghar Farhadi (film d’apertura)
EN GUERRE (AT WAR) di Stéphane Brizé
DOGMAN di Matteo Garrone
LE LIVRE D’IMAGE di Jean-Luc Godard
NETEMO SAMETEMO (ASAKO I & II) di Ryusuke Hamaguchi
PLAIRE AIMER ET COURIR VITE (SORRY ANGEL) di Christophe Honoré
LES FILLES DU SOLEIL (GIRLS OF THE SUN) di Eva Husson
ASH IS PUREST WHITE di Jia Zhang-Ke
SHOPLIFTERS di Kore-Eda Hirokazu
CAPHARNAÜM (CAPERNAUM) di Nadine Labaki
BUH-NING (BURNING) di Lee Chang-Dong
BLACKKKLANSMAN di Spike Lee
UNDER THE SILVER LAKE di David Robert Mitchell
THREE FACES di Jafar Panahi
ZIMNA WOJNA (COLD WAR) di Pawel Pawlikowski
LAZZARO FELICE di Alice Rohrwacher
YOMEDDINE di A.B Shawky
LETO (L’ÉTÉ) di Kirill Serebrennikov

Un Certain Regard
GRÄNS (BORDER) di Ali Abbasi
SOFIA by Meyem Benm’Barek
LES CHATOUILLES (LITTLE TICKLES) di Andréa Bescond & Eric Métayer
LONG DAY’S JOURNEY INTO NIGHT di Bi Gan
MANTO by Nandita Das
À GENOUX LES GARS (SEXTAPE) di Antoine Desrosières
GIRL di Lukas Dhont
GUEULE D’ANGE (ANGEL FACE) di Vanessa Filho
EUPHORIA di Valeria Golino
RAFIKI (FRIEND) di Wanuri Kahiu
MON TISSU PRÉFÉRÉ (MY FAVORITE FABRIC) di Gaya Jiji
DIE STROPERS (THE HARVESTERS) di Etienne Kallos
IN MY ROOM di Ulrich Köhler
EL ANGEL di Luis Ortega
THE GENTLE INDIFFERENCE OF THE WORLD di Adilkhan Yerzhanov

Fuori concorso
SOLO: A STAR WARS STORY di Ron Howard
LE GRAND BAIN di Gilles Lellouche

Séance de Minuit
ARCTIC di Joe Penna
GONGJAK (The Spy Gone North) di Yoon Jong-Bing

Séance Spéciale
10 YEARS IN THAILAND di Aditya Assarat, Wisit Sasanatieng, Chulayarnon Sriphol & Apichatpong Weerasethakul
THE STATE AGAINST MANDELA AND THE OTHERS di Nicolas Champeaux & Gilles Porte
O GRANDE CIRCO MÍSTICO (LE GRAND CIRQUE MYSTIQUE) di Carlo Diegues
LES ÂMES MORTES (DEAD SOULS) di Wang Bing
À TOUS VENTS (TO THE FOUR WINDS) di Michel Toesca
LA TRAVERSÉE di Romain Goupil
LE PAPE FRANÇOIS – UN HOMME DE PAROLE (POPE FRANCIS – A MAN OF HIS WORD) di Wim Wenders

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Addio a Verne Troyer: morto a 49 anni il 'Mini-Me' di Austin Powers

L'attore, affetto da nanismo, era in lotta contro la depressione

PARIS -  David Cronenberg

Venezia 75, a David Cronenberg il Leone d'Oro alla carriera

Il premio gli verrà conferito la prossima estate durante la Mostra che si terrà dal 29 agosto all'8 settembre 2018

FILES-GERMANY-FILM-FESTIVAL-CANNES

Cannes, Lars von Trier riammesso al Festival dopo sette anni

Il regista era stato bandito nel 2011 quando aveva rivelato le sue simpatie naziste e nei confronti di Hitler