Sabato 19 Maggio 2018 - 14:45

Cannes, i 21 film in corsa per la Palma d'oro: tra loro Garrone e Rohrwacher

Il riconoscimento verrà assegnato stasera: tra i favoriti i due italiani e la pellicola di Spike Lee

Photocall di Dogman a Cannes

Sono 21 i film in concorso per la Palma d'oro alla 71esima edizione del Festival di Cannes, che verrà assegnata oggi. Due gli italiani in concorso, 'Dogman' di Matteo Garrone e 'Lazzaro Felice' di Alice Rohrwacher.

'Todos lo saben' dell'iraniano Asghar Farhadi (film di apertura della kermesse): thriller psicologico in spagnolo con Penelope Cruz, che dall'Argentina torna nel paese natale in Spagna dove reincontra l'amore di gioventù Javier Bardem.

'At war' del francese Stéphane Brizé: nuovo film sociale con Vincent Lindon per l'autore di 'La legge del mercato', che segue la lotta dei dipendenti disposti a tutto pur di salvare la loro fabbrica in fallimento.

'Ahlat agaci (The wild pear tree)' del turco Nuri Bilge Ceylan: un uomo sogna di essere uno scrittore e torna nella sua natia Anatolia, dove trova il padre. Dall'autore di 'Winter Sleep', Palma d'oro 2014.

'Ayka' del kazako Sergey Dvortsevoy: ritratto di un giovane rifugiato kirghiso senza documenti spinto all'estremo per sopravvivere a Mosca.
Secondo film del regista di 'Tulpan', vincitore del premio 'Un Certain Regard' a Cannes nel 2008.

'Dogman' di Matteo Garrone: la storia senza riscatto di un uomo che gestisce un negozio periferico di toelettatura per cani e sprofonda in una spirale di violenza dopo essere stato tradito da un bullo di quartiere. Quarto film di Garrone in concorso.

'Le livre d'image' di Jean-Luc Godard: film in cinque parti che evoca in particolare la guerra e il mondo arabo, attraverso un collage di immagini (di reportorio e fiction) e suoni con citazioni e aforismi, spesso letti dallo stesso cineasta 87enne, padre della Nouvelle Vague.

'Un Couteau dans le coeur' del francese Yann Gonzalez: secondo lungometraggio del regista, film barocco e onirico su una produttrice di porno gay, con Vanessa Paradis.

'Netemo Sametemo (Asako I & II)' del giapponese Ryusuke Hamaguchi: la storia di Asako che, dopo la scomparsa dell'uomo che amava, trova il suo doppio.

'Plaire, aimer et courir vite' del francese Christophe Honoré: una relazione romantica tra un giovane studente e uno scrittore negli anni '90, con Vincent Lacoste e Pierre Deladonchamps.

'Les Filles du soleil' della francese Eva Husson: la storia di combattenti curdi che combattono contro i jihadisti e una giornalista che li segue. Con Golshifteh Farahani e Emmanuelle Bercot. Secondo lungometraggio della regista dopo 'Bang Gang'.

'Ash is purest white' di Jia Zhangke: ritratto di una donna e una Cina abbandonata, attraverso la storia d'amore tra una ballerina e un gangster.

'Shoplifters' del giapponese Kore-Eda Hirokazu: storia di una famiglia di taccheggiatori che adottano un orfano. Quinto film di Kore-Eda in concorso.

'Caphernaum' della libanese Nadine Labaki: la storia di un bambino che si ribella alla vita che cercano di imporgli. Dalla regista di 'Caramel'.

'Buh-Ning' del sudcoreano Lee Chang-Dong: thriller su un triangolo amoroso. Adattamento di un racconto di Haruki Murakami. Terzo film di Lee in concorso.

'BlacKkKlansman' di Spike Lee: storia vera di un poliziotto afro-americano e del suo compagno, che si è infiltrato nel Ku Klux Klan nel 1978, con Adam Driver e John David Washington.

'Under the silver lake' dell'americano David Robert Mitchell: thriller con Andrew Garfield e Riley Keough su un trentenne innamorato della sua vicina che si mette alla sua ricerca quando scompare. Dall'autore del film horror 'It Follows'.

'Three faces' dell'iraniano Jafar Panahi: tre ritratti di donne nell'Iran di oggi dal regista dissidente a cui è proibito lavorare nel proprio Paese (Orso d'oro a Berlino nel 2015 per 'Taxi Teheran').

'Zimna wojna' di Pawel Pawlikowski: un amore tormentato tra un musicista e una cantante e ballerina nel mezzo della Guerra fredda tra Polonia e Parigi, in bianco e nero. Dal regista di 'Ida', Oscar come miglior film straniero nel 2015.

'Lazzaro Felice' di Alice Rohrwacher: favola su un giovane innocente sfruttato dagli altri, in una fattoria lontana dal mondo e poi in una città moderna. Rohrwacher ha vinto il Gran Premio della giuria nel 2014 con 'Le Meraviglie'.

'Yomeddine' dell'egiziano Abu Bakr Shawky: odissea di un lebbroso e un orfano sulle strade dell'Egitto.

'Leto' del russo Kirill Serebrennikov: una pellicola in bianco e nero del regista agli arresti domiciliari, basato sulla vita della rock star sovietica Viktor Tsoi, che evoca la voglia di libertà dei giovani russi nei primi anni Anni '80.
 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Premiere di Molly's Game a Londra

Idris Elba prossimo James Bond? L'attore alimenta le voci su Twitter

Un cinguettio semplice, ma molto significativo

GERMANY-BERLINALE-FILM-CHATRIAN

Locarno Festival, Pardo d'oro al regista singaporeano Yeo Siew Hua per A land imagined

Tra i grandi ospiti di quest'anno Ethan Hawke e Ted Hope, Meg Ryan, Bruno Dumont e la masterclass di Kyle Cooper

PARIS -  David Cronenberg

Venezia 75, "M. Butterfly" e master class per Leone alla carriera a Cronenberg

Il film sarà proiettato in versione originale con sottotitoli italiani giovedì 6 settembre

Notte degli Oscar 2018 .I premiati

Grandi novità per gli Oscar: arriva la statuetta per i film popolari

L'Academy annuncia di voler anche anticipare l'edizione del 2020