Giovedì 07 Giugno 2018 - 16:45

Cantante dei Noir Desir torna sul palco, riaperto caso di suicidio dell'ex moglie

L'ex frontman del gruppo era stato condannato per l'omicidio della compagna Marie Trintignant. E adesso ripartono le indagini sull'altro caso che lo vede coinvolto

FILES-FRANCE-MUSIC-OLYMPIA-CONCERT

"Bertrand Cantat ha il diritto di cantare?". È la domanda che si pone il giornale francese L'Observateur a poche ore dal concerto che vedrà esibirsi, sul palco dello Zénith a Parigi e con il timore di nuove proteste, l'ex cantante dei Noir Désir. Cantat è stato condannato nel 2003 per avere ucciso la compagna Marie Trintignant, attrice francese figlia di Jean-Louis Trintignant, ed è di questi giorni la decisione della giustizia francese di riaprire le indagini sul suicidio della ex moglie, Krisztina Ràdy. Trintignant, all'epoca 41enne, era stata massacrata di botte in Lituania, dove si trovava per girare il film 'Colette', e ricoverata a Parigi in condizioni disperate, dove era morta poco dopo. Cantat era stato condannato a otto anni di carcere in Lituania, poi, trasferito in Francia, era stato liberato nel 2007 dopo aver scontato metà della pena. Nel 2012 Cantat era poi stato sospettato di avere indotto al suicidio la ex moglie Krisztina, con cui aveva avuto due figli, che si era tolta la vita nel 2010 impiccandosi nella casa dove si trovava anche lui. Dopo l'archiviazione, e grazie alle pressioni dell'associazione 'Femme Libre' che sta portando in tribunale nuove prove, le indagini vengono riaperte, ha riferito Le Parisien.

FRANCE-MUSIC-WOMEN-CANTAT-DEMO

Le esibizioni di Cantat con il gruppo Détroit, fondato nel 2012 dopo lo scioglimento dei Noir Désir nel 2010, non avevano sollevato critiche. Ma il suo ritorno in scena come solista, in piena eco del caso Weinstein, ha riacceso la tensione. Alcune date della tournée iniziata a marzo erano state annullate. L'Olympia, locale parigino, aveva deciso di cancellare le due esibizioni previste perché temeva "seri rischi per l'ordine pubblico". E a Grenoble, dove Cantat si era esibito a metà marzo, il cantante era stato accolto al grido di "assassino".

Anche per il concerto di oggi al parigino Zénith, il locale del Parco de La Villette, sono previste proteste. "Bertrand non si è mai pentito pubblicamente e per noi è indecente leggere il suo nome nel programma dei concerti di un locale", ha dichiarato il gruppo Encore féministes!, che risponde all'appello dell'associazione Osez le féminisme a protestare contro la decisione di permettere al cantante di esibirsi. "Non c'è alcuna motivazione giuridica che impedisca a Cantat di cantare. Se lo impedissi, il produttore potrebbe a buona ragione prendere provvedimenti", ha detto ad AFP Daniel Volling, il proprietario dello Zénith, che ha deciso di non rafforzare il sistema di sicurezza previsto per il concerto. "È un uomo che ha commesso un atto condannabile, che è stato condannato ed è stato in prigione", ha aggiunto Volling, "chi ha pagato il biglietto vuole sentirlo cantare".

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Discorso di Erdogna in piazza a Istanbul

Turchia al voto: Erdogan vuole un mandato con poteri rafforzati

Il presidente resta il favorito, ma per lui la corsa si annuncia più difficile del previsto

Emmanuel Macron riceve Pedro Sanchez all'Eliseo

Macron: "In Italia non c'è una crisi migratoria, ma politica causata da estremisti"

Il presidente annuncia le posizioni di Francia e Spagna in vista del mini vertice di Bruxelles e attacca nuovamente la linea di Salvini. La replica: "Arrogante". E Di Maio: "Sono nostro nemico numero uno"

La Basilica di San Pietro a Roma

Cinque anni di carcere al monsignor Capella per pedopornografia

L'ex funzionario della Nunziatura di Washington condannato anche a una multa di 5mila euro

Foto tratta dalla pagina Facebook degli I-Days

I Pearl Jam tornano a Milano: la voce manca, le emozioni no

Eddie Vedder chiede un aiuto speciale al pubblico: "Stavolta fate anche voi parte della band". E i 60mila non si tirano indietro