Mercoledì 27 Settembre 2017 - 13:00

Caso Cucchi, a ottobre nuovo processo. Legale: "Nuovo teste con dettagli importanti"

Il 13 del prossimo mese inizierà il processo bis a carico di cinque carabinieri accusati di aver colpito Stefano con schiaffi, pugni e calci

Ilaria Cucchi e i genitori in sit-in davanti al Palazzo di Giustizia di Roma con le foto di Stefano Cucchi

"In questi 8 anni siamo stati devastati da una battaglia, c'è stato quasi un processo contro Stefano, siamo oggi in una fase diversa. Siamo qui con un pizzico di ottimismo, si sta per riaprire un processo serio dove si parlerà della verità". Lo ha detto Ilaria Cucchi, sorella di Stefano, il geometra romano deceduto nell'ottobre 2009 a Roma durante una custodia cautelare. Il 13 ottobre inizierà il processo bis a carico di cinque carabinieri accusati di aver colpito Cucchi con schiaffi, pugni e calci, facendolo cadere e procurandogli lesioni. "Saranno chiamati i responsabili di quel pestaggio. Noi oggi presentiamo il terzo memorial del 1/o ottobre 'Corri con Stefano', non sarà un segnale di resa. Mi piace pensare che il dolore di Stefano non è stato inutile. Stefano Cucchi è stato fortunato ad arrivare ad un processo, purtroppo tanti Stefano Cucchi subiscono soprusi nell'indifferenza generale", ha aggiunto parlando in Senato. 

"C'è un nuovo testimone che si è fatto avanti alcuni giorni fa la cui deposizione è importante perché descrive il clima che era costretto a vivere chi era depositario di una verità diversa da quella cosiddetta ufficiale. Era in carcere al Regina Coeli per questo non ha parlato finora", ha detto Fabio Anselmo, legale della famiglia Cucchi. "La sua deposizione è importante perché ci descrive uno Stefano particolarmente in difficoltà fisiche. Si aggrappava alle sbarre e non riusciva a reggersi in piedi con buona pace di coloro, periti compresi, che parlavano di lesioni dolose lievi", ha aggiunto.

"Il tema centrale del processo sarà ancora un'altra volta quello medico legale perché i fatti, rispetto a quello precedente, sono chiari. L'inchiesta condotta dalla Procura di Roma è talmente completa che è riuscita a raccogliere addirittura la confessione da parte degli imputati di aver eseguito quel pestaggio nei confronti di Stefano e il luogo in cui è avvenuto. Da questo punto di vista credo sia arduo dimostrarne l'infondatezza - ha aggiunto il legale - Il tema è quello medico legale perché nel primo processo si è fatta tanta confusione per non dire altro. Adesso finalmente abbiamo un incidente probatorio che riconosce il nesso causale tra quel pestaggio e quel che è successo a Stefano". 

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

'La battaglia di Irene' - Foto tratta dalla pagina Facebook dell'Associazione Luca Coscioni

'La battaglia di Irene' e l'appello doloroso del marito per l'eutanasia

La donna, morta prima di ottenere il suicidio assistito in Svizzera, è il nuovo volto della campagna promossa dall'associazione Luca Coscioni

Natalia Mesa Bush da Borsalino

Fallita l'azienda Borsalino: respinto concordato Camperio per evitare la bancarotta

Toccherà ora al tribunale e a curatori fallimentari, Stefano Ambrosini e Paola Barisone, decidere come muoversi

Milano, temperature vicine allo zero, persone infreddolite a porta Nuova

Nebbia e gelo: il meteo del 17 e del 18 dicembre

Continuano a scendere le temperature in questo nuovo inizio di settimana