Mercoledì 29 Gennaio 2014 - 22:05

Caso Nsa, sito web di Angry birds attaccato da hacker

IMG

Helsinki (Finlandia), 29 gen. (LaPresse/AP) - Il sito internet del famoso videogioco 'Angry birds' è stato attaccato da alcuni hacker. Lo ha reso noto la casa produttrice del gioco, la finlandese Rovio Entertainment, due giorni dopo la diffusione della notizia secondo la quale le agenzie di spionaggio americane e britanniche avevano avuto accesso ai dati personali dei giocatori. Una portavoce di Rovio ha dichiarato che l'attacco è durato pochi minuti stamattina e che i dati degli utenti "non sono stati mai a rischio". Lunedì New York Times, Guardian e ProPublica avevano diffuso alcuni documenti di Edward Snowden secondo i quali la National Security Agency americana (Nsa) e l'agenzia britannica Gchq erano riuscite a ricavare informazioni sugli utenti tramite diverse applicazioni per smartphone, fra cui quelle del marchio Angry birds. Rovio nega tali affermazioni, sostenendo che non "condivide dati né collabora o è collusa" con alcuna agenzia di spionaggio. La compagnia ha annunciato che rivaluterà i sistemi che permettono alle reti di terze parti di inserire messaggi pubblicitari nelle applicazioni.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

ATTILA KISBENEDEK  /  AFP

L'Ungheria approva la legge 'Stop-Soros': carcere a chi aiuta i migranti

Il pacchetto prende il nome dal miliardario Usa George Soros, accusato da Orban di orchestrare l'immigrazione in Europa

Il Canada dice sì alla cannabis ricreativa: è il primo Paese del G7

Approvato il progetto di legge voluto dal governo di Trudeau

Migranti, l'arrivo della Aquarius a Valencia

Migranti, mini-summit Ue a Bruxelles. A Budapest gruppo Visegrad incontra Austria

Juncker convoca otto Paesi, tra cui Italia e Malta, in vista del Consiglio europeo del 28 e 29 giugno. Intanto il premier austriaco incontra gli "ostili alle quote"

Migranti soccorsi dalla nave Diciotti della Guardia Costiera italiana sbarcano a Pozzallo

Migranti, per Consiglio Ue si lavora a 'piattaforme di sbarco regionali'

Allo studio una misura per individuare i richiedenti asilo prima della traversata in strutture al di fuori dell'Ue