Giovedì 12 Ottobre 2017 - 19:00

Caso Weinstein, la polizia di New York e quella britannica indagano sulle violenze

Intanto si allunga la lista di attrici e modelle molestate dal produttore hollywoodiano: c'è anche Cara Delevingne

Caso Weinstein, la polizia di New York e quella britannica indagano sulle violenze

Il dipartimento di polizia di New York sta investigando su una denuncia di violenza sessuale che sarebbe stata commessa nel 2004 dal produttore cinematografico Harvey Weinstein. "Il Nypd sta investigando su una denuncia di violenza sessuali del 2004", ha detto il dipartimento in una dichiarazione e, interrogato da Reuters a proposito di un coinvolgimento di Weinstein nell'inchiesta, un portavoce ha risposto "Sì".

"No comment" la risposta della portavoce di Weinstein, Sallie Hofmeister, in merito all'indagine.

"Basandosi sulle informazioni riportate nelle ultime notizie pubblicate dai media, il dipartimento sta conducendo nuove indagini per verificare se ci siano ulteriori denunce relative al caso Weinstein", ha detto anche il Nypd. L'apertura dell'inchiesta fa seguito alle accuse di numerose donne, molte delle quali attrici di spicco, che Weinstein avrebbe molestato o stuprato negli ultimi tre decenni.

LEGGI ANCHE Anche Delevingne molestata da Weinstein. E Lea Seydoux

Secondo quanto riporta il Guardian, anche la polizia britannica sta indagando sul produttore cinematografico per presunti reati sessuali. A proposito del rapporto, un portavoce della polizia metropolitana di Londra ha dichiarato: "Mercoledì il servizio di polizia ha ricevuto dagli agenti di Merseyside una denuncia di violenza sessuale. L'accusa sarà valutata dagli ufficiali del Comando per gli abusi su minori e le molestie sessuali".

Il portavoce ha detto che la polizia non avrebbe ancora identificato la persona coinvolta.

Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

William e Kate annunciano: "Il terzo royal baby nascerà ad aprile"

William e Kate annunciano: "Il terzo royal baby nascerà ad aprile"

Ancora un'incognita il sesso del nuovo membro della famiglia

Caso Weinstein, il produttore Rosenberg ammette: "Tutti sapevamo ma abbiamo taciuto"

"Siamo rimasti in silenzio perché lui era la gallina dalle uova d'oro, ma ora mi sento complice e mi vergogno"

Malta, autobomba uccide la giornalista Daphne Caruana Galizi

Giornalista uccisa a Malta, il figlio: "È colpa dello Stato corrotto"

Il giovane racconta "l'inferno" che ha visto quando è accorso sul luogo dell'esplosione

Fighters of Syrian Democratic Forces gesture the "V" sign at the frontline in Raqqa

"Raqqa è libera": i curdi si riprendono la capitale dell'Isis

La roccaforte dello Stato islamico espugnata con l'aiuto degli Usa