Martedì 05 Dicembre 2017 - 11:15

Catalogna, Corte Suprema ritira mandato d'arresto europeo per Puigdemont

Il provvedimento riguarda anche gli altri quattro ex ministri del suo governo. La decisione comunicata alle autorità belghe

Catalogna, Puigdemont dal Belgio lancia la campagna elettorale

La Corte suprema spagnola ha accettato di ritirare il mandato europeo di arresto spiccato contro l'ex presidente della Generalitat di Catalogna, Carles Puigdemont, e di altri quattro ex ministri del suo governo, ora in Belgio per opporsi all'estradizione in Spagna

. La decisione verrà ora comunicata alle autorità belghe, come confermato da fonti della Corte.

Secondo fonti giudiziarie, citate da La Vanguardia ed El Pais, resta invece valido il mandato d'arresto spagnolo: Puigdemont e gli altri quattro ex membri della Generalitat verranno arrestati quando varcheranno il confine del Paese.

Secondo il giudice Pablo Llarena il mandato d'arresto emesso dalla giudice Carmen Lamela dell'Audienca Nacional dovrebbe essere ritirato perché si sta indagando "su un reato di natura plurioggettiva dotato di un'unità giuridica inseparabile", che richiede una risposta unica per evitare di cadere in contraddizione. Vale a dire, ha spiegato il giudice, dopo l'emissione dei mandati d'arresto "è stato definito che i fatti avrebbero potuto essere perpetrati attraverso l'accordo di tutti gli indagati con un'unità giuridica inseparabile".

Paul Bekaert, avvocato fiammingo esperto di diritti umani che assiste l'ex presidente catalano, Carles Puigdemont e i quattro ex ministri del suo governo fuggiti in Belgio, ha fatto sapere di non aver ricevuto alcuna "notifica ufficiale" del ritiro del mandato d'arresto da parte delle autorità spagnole. "Non abbiamo alcuna decisione ufficiale, non abbiamo visto alcuna notifica. Finché non avremo i documenti non reagiremo", ha aggiunto.

Intanto, è stata rifiutata la cauzione all'ex vicepresidente della Catalogna Oriol Junqueras, all'ex membro del gabinetto Joaquim Forn e ai due leader dei gruppi civili ANC e Omnium Cultural, che stanno affrontando le accuse di sedizione. Lo ha deciso il tribunale supremo spagnolo. Stabilita, invece, una cauzione di 100mila euro per sei dei sette ministri attualmente detenuti.

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

FILE PHOTO: Laurent Wauquiez, the front-runner for the leadership of French conservative party "Les Republicains" (The Republicans) attends a political rally in Saint-Priest

Francia, Wauquiez prende il posto di Sarkozy: "Ricostruirò centrodestra"

È il nuovo leader dei "Republicains" e ora dovrà ricostruire una realtà politica ancora scossa dal fatto di non essere riuscita, per la prima volta nella Quinta Repubblica, ad arrivare al ballottaggio per la presidenza

New York, esplosione a fermata degli autobus di Manhattan

Esplosione a Nyc, un arrestato con giubbotto esplosivo. "Era collegato all'Isis"

Tra la 42esima strada e la 8th Avenue. L'attentatore rimasto ferito da un tubo-bomba. Si chiama Akayed Ullah, ha 27 anni, originario del Bangladesh

Russian President Vladimir Putin addresses officials of Rostec high-technology state corporation at the Novo-Ogaryovo state residence outside Moscow

Putin ordina il ritiro delle truppe russe dalla Siria

Il presidente ha avuto un colloquio a sorpresa con il suo omologo siriano Bashar al-Assad

Saudi Arabia's King Salman bin Abdulaziz Al Saud presides over a cabinet meeting in Riyadh

Nuova svolta in Arabia Saudita: riaprono i cinema dopo 35 anni

Dopo le donne alla guida, il re Salman decide di riaprire le sale cinematografiche vietate dagli anni '80