Lunedì 31 Ottobre 2011 - 20:15

Catanzaro, omicidio a Lamezia Terme: uccide fidanzata e si costituisce

IMG

Catanzaro, 31 ott. (LaPresse) - Ha ucciso la fidanzata e poi si è costituito alla polizia. E' accaduto ieri nella tarda serata a Lamezia Terme, in provincia di Catanzaro. L'uomo, un disoccupato di 29 anni, che fa lavori saltuari, ha colpito mortalmente la compagna, classe 1984, strangolandola. La vittima proprio oggi avrebbe compiuto 27 anni. L'omicida ha confessato il delitto stamattina al commissariato di Lamezia Terme, dove si è recato alle 7, accompagnato dal suo legale. Il corpo è stato trovato, a seguito della sua indicazione, in campagna in un terreno alla periferia della città. L'autore dell'omicidio ha raccontato di aver infierito sul viso della donna, sfregiandola con delle canne appuntite. L'interrogatorio dell'uomo si è concluso in serata e ora il giovane è stato portato in carcere in stato di fermo per il reato di omicidio. Il 29enne, nello spiegare i motivi che l'hanno portato al delitto, ha parlato genericamente di "dissidi" nella coppia.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

A hashtag is displayed inside Amazon's Black Friday pop-up space in London

Amazon, black friday a rischio: sciopero 4mila dipendenti a Piacenza

I lavoratori chiedono un miglior trattamento economico. Braccia incrociate da venerdì mattina alla stessa ora di sabato

Funerale Totò Riina a Corleone

Facebook chiede scusa ai Riina: condoglianze rimosse per errore

Dopo la morte del boss sui social erano arrivati post che facevano riferimento al suo spessore criminale

I funerali di Noemi Durini, la sedicenne uccisa dal proprio ragazzo

Femminicidio, 'fenomeno allarmante'. Italiani tre quarti degli assassini

I dati presentati in Commissione dal ministro della Giustizia Orlando. E la maggior parte avvengono tra persone che avevano o hanno un legame affettivo

Camera dei Deputati. Voto finale sul DL Vaccini

Vaccini obbligatori, la Consulta respinge i ricorsi del Veneto: "Decreto legittimo"

Sul giudizio della Consulta pesa il calo della copertura: "Giusto, quindi, passare dalla persuasione all'obbligo"