Giovedì 09 Febbraio 2017 - 13:00

Chimenti: La Golf Ryder Cup è un evento irrinunciabile e sano

"Quella di ieri in Senato non è stata una bocciatura del fondo di garanzia ma del provvedimento"

Chimenti: La Golf Ryder Cup è un evento irrinunciabile e sano

"La Ryder Cup 2022 è irrinunciabile non solo per il futuro del golf italiano ma dello sport italiano, perché questa manifestazione porterà un turismo ricco e importantissimo per il nostro paese. Personalmente non rinuncerò  a questo progetto finché non mi diranno di no". Così il presidente della Federazione italiana golf Franco Chimenti nella conferenza stampa nel palazzo delle federazioni, a Roma, parlando del fondo di garanzia per la Ryder Cup 2022.

Ieri in Senato è stato dichiarato inammissibile l'emendamento approvato in commissione Finanze che prevedeva una fideiussione di 97 milioni di euro per l'evento in programma a Roma nel 2022. "Quella di ieri sera - ha detto Chimenti - non è stata una bocciatura del fondo di garanzia ma del provvedimento che conteneva un fondo che veniva considerato anomalo. Io insisto: per noi queste garanzie servono per mostrare a livello internazionale che siamo credibili, noi non abbiamo bisogno di questi soldi". E ha aggiunto: "Possiamo sopperire tranquillamente, intanto questi 97 milioni diventano 57 perché abbiamo quasi chiuso un accordo con chi è intervenuto, con altri lo faremo", ha aggiunto.

Chimenti non vuole rinunciare a questo progetto.  "Per far approdare all'Italia questo evento personalmente ho lavorato in modo integerrimo e folle, me lo sono conquistato. E' un progetto onesto e sano e non ci saranno sprechi". 

"Chiederò una proroga per le garanzie finanziarie, che non può non esserci concessa, anche se a breve termine. Poi convincerò tutti gli scettici che per noi non è un problema avere questi 97 milioni, ma abbiamo bisogno delle garanzie per convincere gli stranieri che noi italiani, a volte guardati con perplessità, siamo persone perbene. La cifra complessiva riguarda un tempo di 12 anni, significano 8 milioni l'anno e si scende con 4,5 l'anno con un accordo già fatto e sono una cifra che verranno dall'interno del nostro movimento".

"Non posso accettare questo attacco frontale, ingiusto. Avrei potuto muovermi con le forze politiche, ma non l'ho fatto. Il progetto della Ryder Cup va avanti e garantisco che non ci saranno sperperi: io sono incapace di rubare, gli inglesi non sperperano", ha sottolineato Chimenti. "Non ho mai ricevuto un avviso di garanzia ed è molto difficile che ne possa ricevere. La federazione è testimone della mia puntualità, non si possono non fare certe operazioni per paura di sperperare i soldi". 

MONTALI: GOVERNO AGISCA. "Noi siamo molto grati al passato governo, hanno fatto un lavoro incredibile. Noi siamo in ritardo, abbiamo messo noi pressione al governo, per questo il fondo di garanzia è stato inserito nel ddl salvabanche. Gli inglesi ci hanno dato come massima deadline il 26 febbraio per il fondo. Ora non dipende da noi, non so quale sarà la strada migliore per approvarlo. Il percorso del governo deve essere completato entro la fine del mese, altrimenti c'è il rischio reale di perdere la Ryder Cup". Lo ha detto Gianpaolo Montali, direttore generale del Progetto Ryder Cup 2022.

"Qui c'è il Paese Italia in ballo, come spiegheremo all'estero che non siamo capaci di tenere in Italia una manifestazione simile? E' la terza dopo Olimpiadi e Mondiali di calcio. La cultura sportiva non dobbiamo averla solo quando fa comodo", ha aggiunto.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

FILE PHOTO: Team Sky rider Froome of Britain celebrates on the podium after winning the Vuelta Tour of Spain after the last stage of the cycling race between Arroyomolinos and Madrid

Ciclismo, Froome positivo al doping (Salbutamolo) alla Vuelta 2017

E' il miglior ciclista del momento. Quest'anno ha vinto Tour e Vuelta. Team Sky: "Spiegheremo tutto"

Ciclismo, presentazione del Giro d'Italia 2018

Giro d'Italia parte da Gerusalemme ovest e Israele minaccia di annullarlo

L'ira dei ministri israeliani per la partenza da "West Jerusalem": "C'è una sola capitale"

Ciclismo, presentazione del Giro d'Italia 2018

Ciclismo, svelato Giro 2018: da Gerusalemme a Roma, al via anche Froome

Presentato il percorso della edizione 101 della corsa rosa. Partenza in Israele il 4 maggio e arrivo nella capitale il 27. La novità è la presenza del britannico

"I Roveri" di Torino premiato al World of Leading Golf

La struttura del Royal Park ha ricevuto il prestigioso riconoscimento per i "Migliori servizi"