Martedì 05 Settembre 2017 - 15:15

Chiusa per 90 giorni la discoteca del delitto dell'Eur

Tre mesi di sospensione della licenza al San Salvador dove i buttafuori hanno ucciso a botte un uomo

Roma, sigilli alla discoteca San Salvador all'Eur

Sigilli per tre mesi alla discoteca romana San Salvador dell'Eur, davanti alla quale è stato pestato a morte l'imprenditore 50enne Giuseppe Galvagno, per il cui omicidio sono accusati 5 buttafuori. Su proposta dei carabinieri della compagnia Roma Eur, che hanno redatto un dettagliato rapporto a riguardo, il questore di Roma ha disposto, con decreto firmato questa mattina, la sospensione per 90 giorni della licenza con conseguente chiusura del locale, davanti al quale si è consumato il violento pestaggio che ha portato alla morte dell'uomo, la notte tra sabato e domenica scorsi.

E "la segnalazione dei carabinieri, ai sensi dell'articolo 100 del Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, finalizzata all'adozione del provvedimento di sospensione dell'autorizzazione dell'esercizio pubblico, oltre ad evidenziare i gravi fatti emersi la notte dell'omicidio, ha sottolineato come già in passato il locale era stato teatro di altri fatti delittuosi". Così questa mattina, i carabinieri della compagnia Roma Eur hanno notificato al titolare del locale il decreto che dispone la chiusura e apposto i sigilli all'esercizio pubblico che, alla luce di quanto emerso, "costituisce serio motivo di pregiudizio per l'ordine pubblico e per la sicurezza dei cittadini, nell'ottica di un doveroso soddisfacimento delle esigenze di tutela sociale"

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Roma, è morta la 13enne risucchiata dal bocchettone di aspirazione della piscina

È successo in un hotel di Sperlonga mentre stava facendo il bagno. Portata al policlinico Gemelli, non ce l'ha fatta

Fiamme negli studios di Cinecittà: distrutto il set dell'Antica Roma

L'incendio è divampato nella notte: a fuoco parti di rivestimenti e strutture di alcune scenografie. Basilica Aemilia non esiste più. Non ci sono feriti

Buche e asfalto disastrato a Roma

"Segnate le buche a Roma. O altri moriranno come mia figlia"

L'appello della madre di Elena Aubry, morta sulla Ostiense il 6 giugno scorso. E molti prendono le bombolette per tracciare il dissesto delle strade