Venerdì 08 Settembre 2017 - 11:00

Ragazze Usa: "Violentate da 2 carabinieri". Indagati i militari

E' successo a Firenze. I due avrebbero accompagnato a casa le due studentesse e ne avrebbero approfittato

"Violentate da 2 carabinieri". Ragazze Usa confermano denuncia

Le due studentesse statunitensi, entrambe di 21 anni, che ieri mattina in questura a Firenze hanno denunciato due carabinieri raccontando che le avrebbero violentate, hanno confermato anche in procura, dove sono state ascoltate a lungo dai magistrati, la loro versione dei fatti. La procura di Firenze ha aperto un fascicolo per violenza sessuale e ha iscritto nel registro degli indagati i due carabinieri accusati di violenza sessuale nei confronti di due studentesse americane. Secondo quanto si apprende da fonti investigative qualificate, sarebbe accertato che vi sarebbero stati rapporti sessuali con le due studentesse. Gli inquirenti avrebbero identificato i due militari anche grazie ad alcune telecamere che hanno ripreso il passaggio della pattuglia.

Sempre secondo quanto si apprende da fonti qualificate, gli inquirenti stanno lavorando "in maniera serrata e fittissima" per chiarire velocemente la vicenda. Sentite fino a tarda sera dai magistrati, le due studentesse statunitensi hanno confermato la loro versione dei fatti. Le ragazze sono state ascoltate separatamente e non avrebbero fornito una versione contraddittoria dell'accaduto.

Ieri nell'ufficio del procuratore Giuseppe Creazzo si è svolta una riunione a cui hanno partecipato il procuratore aggiunto Rodrigo Merlo, la pm Ornella Galeotti, il comandante regionale dei carabinieri Emanuele Saltalamacchia, il comandante provinciale Giuseppe De Liso, il comandante del reparto operativo Saverio Spoto e il capo della squadra mobile della questura Giacinto Profazio. Da quanto si apprende, le ragazze ieri sono state portate all'ospedale fiorentino di Torregalli, dove è stato attivato il codice rosa, il percorso predisposto nei casi di violenze su soggetti deboli, ed è intervenuta anche una psicologa. Le due giovani sono state anche sottoposte all'alcooltest e al narcotest e sarebbero risultate positive, circostanza che, qualora emergesse che il rapporto sessuale con i due carabinieri è realmente avvenuto, aggraverebbe la posizione dei militari, perché le ragazze sarebbero state in condizione di minorata difesa.

Secondo una prima ricostruzione dell'accaduto, i due carabinieri sarebbero intervenuti, insieme ad altre pattuglie, per gli schiamazzi fuori di una discoteca nella zona di piazzale Michelangelo. I militari avrebbero incontrato le due giovani americane fuori dal locale e si sarebbero resi disponibili a riaccompagnarle nella loro casa presa in affitto, nel centro storico, vicino alla centralissima via Tornabuoni. Secondo la denuncia delle due ragazze, la violenza sessuale sarebbe avvenuta nel loro palazzo. Gli inquirenti hanno vagliato anche le immagini delle telecamere di videosorveglianza dislocate in vari luoghi della città per trovare riscontri alla denuncia. Gli abiti che indossavano le ragazze la notte tra mercoledì e giovedì sono stati sequestrati e messi a disposizione della polizia scientifica per le analisi del caso.

 

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Andrea Bocelli in concerto a San Paolo del Brasile

Bocelli cade da cavallo. E' all'ospedale, non è grave

Il cantante è stato sbalzato di sella ed è caduto all'indietro. L'elicottero l'ha portato al "Cisanello" di Pisa

Firenze, vende la figlia minorenne come sposa: arrestato il padre

Firenze, vende la figlia minorenne come sposa: arrestato il padre

Quindicimila euro per 'acquistare' la ragazzina, che, al momento dell'accordo, aveva solo 13 anni

Milano, Ex manifattura Tabacchi - intervento carabinieri nell'ex palazzo dei Monopoli di Stato - altezza via Giovanni Suzzani 121

Stupro di Firenze, resi i noti i nomi dei carabinieri

Sono l'appuntato scelto Marco Camuffo (46 anni), e Pietro Costa (32 anni)

Alluvione a Livorno, la conta dei danni

Livorno, trovata settima vittima. Scontro Rossi-Nogarin su allerta

"Facile prendersela con sindaci, ma con codice rosso tutto sarebbe cambiato", dice il pentastellato