Martedì 18 Aprile 2017 - 10:30

Nuovi dettagli su morte di Prince: la casa era piena di oppiacei

Ancora sconosciuta l'identità di chi ha fornito all'artista la dose di fentanyl rivelatasi poi fatale

Continuano le indagini sulla morte di Prince: trovati in casa numerosi oppiacei

La polizia che sta indagando sulla morte di Prince, avvenuta un anno fa, ha trovato nella casa della pop star una grande quantità oppiacei. Lo rivelano alcuni atti giudiziari relativi al caso, dai quali emerge che gli investigatori non hanno ancora identificato chi ha fornito all'artista la dose di fentanyl, potentissima droga ritenuta 50 volte più forte dell'eroina, rivelatasi poi fatale. Stando a quanto riportano le dichiarazioni giurate e i mandati di perquisizione, alcuni dei forti antidolorifici rivenuti nell'abitazione del musicista, che si trova vicino Minneapolis, erano accompagnati da prescrizioni fatte a nome del suo amico e guardia del corpo Kirk Johnson.

I documenti comprendono anche ricerche fatte dal computer di Prince, comunicazioni telefoniche con amici e interviste con i suoi collaboratori. Dalle carte emerge inoltre che l'artista non utilizzava cellulari e che aveva numerosi account di posta elettronica con diversi alias. Lo scorso ottobre negli atti gli investigatori parlavano di "un'indagine per omicidio", ma nessuno è mai stato incriminato con questa accusa.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Noemi: "Soffro di attacchi di panico, li combatto sul palco"

L'artista ha messo in musica quel terrore e lo canta nel nuovo singolo "Porcellana"

J-Ax e Fedez presentano il nuovo disco 'Comunisti col Rolex'

La sorpresa di J-Ax e Fedez: a San Siro anche altre tre star

Sul palco a 360° si esibiranno con il duo le amiche e colleghe Levante, Malika Ayane e Nina Zilli.

Concerto di Jovanotti nel temporary store allestito in Piazza Gae Aulenti a Milano

Jovanotti live dal 19 a Roma: chiude il tour 3-4 luglio a Milano

La seconda parte del tour apre i battenti al Palalottomatica

Edema alle corde vocali per Jovanotti: salta il concerto di Bologna

L'annuncio su Instagram: "Se non faccio almeno 3 giorni di silenzio totale e terapia il rischio è che poi peggiori ulteriormente"