Martedì 11 Aprile 2017 - 18:45

Corona: Bomba sotto casa è opera dell'ex fidanzato di Nina Moric

Il legale: "A comunicarmi la notizia è stata Selvaggia Lucarelli"

Corona: Bomba sotto casa mia è opera dell'ex fidanzato di Nina Moric

"Selvaggia Lucarelli mi ha scritto che il fidanzato di Nina Moric le ha parlato per primo della bomba, quando la notizia non era ancora uscita sui giornali. Sapeva dov'era e a che ora era stata messa". Lo ha rivelato il legale di Fabrizio Corona, Ivano Chiesa, parlando a margine dell'udienza odierna del processo a carico dell'ex fotografodei vip, accusato di intestazione fittizia di beni, frode fiscale e violazione delle norme patrimoniali. In aula Corona aveva detto di ritenere che la bomba carta piazzata sotto casa sua lo scorso 15 agosto fosse opera dell'ex fidanzato di Nina Moric. "Dopo aver letto l'sms io doverosamente ho ritenuto di comunicarlo al tribunale e al pm, perché tutti i fatti che hanno rilevanza processuali vanno messi", ha spiegato il legale. Da quanto emerso oggi in aula, per la difesa dell'ex 're dei paparazzi', "si capisce che Corona è in carcere da 6 mesi mentre le indagini sulla provenienza della bomba di fatto non ci sono. Dobbiamo farle noi in aula, perché il presidente del tribunale Salvini permette di fare tutte le domande e andare più a fondo possibile".

 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Cadaveri di tre alpinisti segnalati sul Monte Bianco

Cadaveri di tre alpinisti segnalati sul Monte Bianco

Non  si esclude che possa trattarsi di un incidente avvenuto in tempi  non recenti

Continuano le indagini sullo scandalo alimentare delle uova contaminate con l'insetticida Fipronil

Uova contaminate, migliaia sequestrate ad Ancona e Viterbo

Si aggiungono a quelli già comunicati dal Ministero della Salute

Ischia, Ciro il piccolo eroe: aiuta i soccorritori a salvare i fratellini

Ischia, Ciro il piccolo eroe: aiuta i soccorritori a salvare i fratellini

L'intera famiglia è stata salvata dalle macerie. "Un vero e proprio miracolo", commenta la direttrice sanitaria dell'Asl Napoli 2