Martedì 11 Aprile 2017 - 09:30

Corruzione e peculato, arrestati vertici aeroporto di Lamezia

Nel mirino i vertici di Sacal Spa, società pubblica al 54,72%

Corruzione e peculato, arrestati vertici aeroporto di Lamezia

Arrestati i vertici della società che gestisce l'aeroporto di Lamezia Terme, in provincia di Catanzaro. Il presidente, il direttore generale e la responsabile dell'Ufficio legale sono stati messi agli arresti domiciliari nell'ambito di un'operazione dei finanzieri del gruppo della guardia di finanza di Lamezia Terme e degli agenti della polizia di frontiera presso l'aeroporto internazionale, coordinati dalla Procura di Lamezia. I reati per i quali si procede, a vario titolo, vanno dalla corruzione e dal peculato al falso, all'abuso d'ufficio e a varie forme di concussione.  Nel mirino i vertici di Sacal Spa, società pubblica al 54,72%, in mano alla Lamezia Sviluppo di Antonino Tripodi, all'amministrazione comunale di Lamezia Terme (20,71%), all'amministrazione provinciale (11,52%) e comunale (6,01%)di Catanzaro e ad Adr, Aeroporti di Roma, per citare i soci principali.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Presunti abusi nel collegio dei chierichetti: il Vaticano apre una nuova indagine

Nuova inchiesta sul preseminario 'San Pio X'. Il tema scottante affrontato nel nuovo libro di Nuzzi

Sole e nuvole nel weekend: il meteo del 18 e 19 novembre

Le previsioni per sabato e domenica. Allerta arancione in Calabria

Parma, l'Ospedale Maggiore dove è morto Toto Riina

Taranto, carabiniere uccide sorella, cognato e padre e si spara: è grave

La tragedia è avvenuta in una strada centrale del paese, a Sava. Lite in famiglia: il militare è in fin di vita

Papa Francesco all'Udienza Generale del mercoledi' in Piazza San Pietro

Papa: "La scienza ha dei limiti da rispettare. Serve responsabilità etica"

Il pontefice: "Tutti devono beneficiare del diritto alla tutela della salute"