Giovedì 11 Gennaio 2018 - 09:15

Australia, da volto tv a vittima dei bulli: Dolly si toglie la vita a 14 anni

Amy Everett era la testimonial di un noto marchio di cappelli. I genitori lanciano la campagna #stopbullyingnow: "La sua vita non andrà sprecata"

Si è tolta la vita a soli 14 anni perché vittima di bullismo online. Protagonista di questa tragica vicenda Amy Everett, giovane testimonial di un noto marchio di cappelli australiano. La ragazzina, conosciuta come Dolly, si è suicidata il 3 gennaio scorso e in sua memoria i genitori hanno lanciato la campagna #stopbullyingnow, diventata virale sui social, assicurando che la sua vita "non sarà sprecata".

"In questa settimana abbiamo avuto un esempio di come i social media dovrebbero essere usati, ma anche di come non dovrebbero", ha detto il padre Tick Everett in un post su Facebook."Se possiamo aiutare altre vite preziose e combattere la sofferenza di tanti, la vita di Doll non andrà sprecata". Tick, inoltre, ​​ha invitato chi ha perseguitato sua figlia ai funerali. "Così assisterete alla completa devastazione che avete creato".

 

Oltre alla campagna social, la famiglia della giovane ha intenzione di dare vita all'associazione 'Dolly's Dream' per aumentare la consapevolezza su bullismo, ansia, depressione e suicidio giovanile.  

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Migranti, Merkel riceve Conte: "Verremo incontro a richiesta di solidarietà dell'Italia"

Vertice a Berlino in mezzo alla bufera con la Csu. Il premier: "Non ci possono lasciare da soli". Fico contro Orban: "Se non vuole le quote deve essere multato"

Unicef, video Beckham per 'Super Dads': "Cos'è per me essere papà"

Il campione di calcio, padre di quattro figli e Goodwill Ambassador, racconta la sua esperienza di genitore: dalla preoccupazione costante alla necessità di essere presente

Trump presenzia a un evento in onore delle madri e spose soldato

Migranti, Onu (e Melania) contro Trump: "Irragionevole separare bambini dalle famiglie"

Anche la first lady critica l'attuale legge sull'immigrazione e fa un appello per una riforma bipartisan

Inaki Urdangarin in tribunale

Spagna, in carcere il cognato del re: condannato per appropriazione indebita

Dovrà scontare cinque anni e dieci mesi di reclusione